03:38 22 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
6126
Seguici su

Il direttore di fresca nomina dell'amministrazione presidenziale ucraina Igor Rainin è noto per aver messo a tacere a Kharkov la voce di coloro che sostengono il dialogo con la Russia, ritiene il direttore del Centro di Kiev sulle ricerche politiche e i conflitti Mikhail Pogrebinsky.

In precedenza il presidente dell'Ucraina Petr Poroshenko aveva sollevato dall'incarico di capo dell'amministrazione presidenziale Boris Lozhkin e nominato al suo posto il presidente dell'amministrazione regionale di Kharkov Igor Rainin.

"L'avvicendamento di Lozhkin non è da interpretare come una punizione, ma il presidente Poroshenko è andato incontro alle sue volontà. Per quanto riguarda Rainin, è conosciuto come un funzionario efficiente, capace di portare avanti con successo le sue posizioni. il governatore della regione di Kharkov inoltre, non solo ha avuto successo in campo economico, sociale e nelle infrastrutture, ma è stato vincente nel suo ruolo di "duro" affinchè non si levasse nessun movimento anti-Bandera. "Secondo alcune indiscrezioni, ha avuto un ruolo importante nella soppressione di tutte le voci libere di quelle persone che vorrebbero migliorare le relazioni con la Russia", — ha detto Pogrebinsky a RIA Novosti.

Ha osservato che da molto tempo Lozhkin chiedeva a Poroshenko di essere sollevato dall'incarico. Secondo l'analista, l'ex capo dell'amministrazione presidenziale sosteneva i rapporti con Mosca.

"Non credo che Rainin possa svolgere lo stesso ruolo. Si è distinto a Kharkov come paladino di tutto quello che era russo", — ha evidenziato Pogrebinsky.  

Correlati:

Interpol dice no a Kiev per mettere in lista dei ricercati i leader filorussi del Donbass
“Dolore della guerra”: Kiev sospettata di fabbricare foto sul Donbass
Poroshenko: Rischio escalation nel Donbass rimane molto elevato
Ucraina, dal 1° settembre cessate il fuoco nel Donbass
Tags:
politica interna, Diplomazia Internazionale, Russofobia, Igor Rainin, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook