Widgets Magazine
04:07 23 Ottobre 2019
Soldati NATO durante esercitazioni militari (foto d'archivio)

“La politica antirussa della NATO rende inutile dialogo su controllo armamenti in Europa”

© AFP 2019 / DANIEL MIHAILESCU
Politica
URL abbreviato
6281
Seguici su

Non ci sono basi concrete per i negoziati su un nuovo accordo sul controllo degli armamenti in Europa dal momento che la NATO continua ad affermare la necessità di contenere la Russia, ha riferito a RIA Novosti il rappresentante permanente della Russia presso l'Alleanza Atlantica Alexander Grushko.

Nella giornata di ieri, nel suo articolo sul quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung, il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier aveva esortato ad un nuovo accordo sul controllo degli armamenti in Europa per evitare una nuova corsa agli armamenti tra Russia e NATO.

"Prendiamo atto con rammarico che per molti aspetti sono andate perdute le possibilità di controllo degli armamenti in Europa come valido strumento di sicurezza", — ritiene il diplomatico.

Secondo l'ambasciatore russo presso la NATO, "questa condizione è in primo luogo il risultato del fatto che i Paesi dell'Alleanza Atlantica non hanno rispettato l'impegno fondamentale nel campo della sicurezza militare in Europa: non hanno ratificato l'adattamento sul Trattato CFE (Trattato sulle Forze Armate Convenzionali in Europa, ndr), che è stato firmato nel novembre 1999. Grushko ha allo stesso tempo ricordato che la Federazione Russa ha ratificato il documento nel 2004.

Secondo Grushko, "in questa fase la radice del problema non sta nella mancanza di strumenti per il controllo degli armamenti, ma soprattutto nella politica perseguita dalla NATO, soprattutto nei confronti del nostro Paese."

"Sappiamo dalla storia il processo della sicurezza europea, il successo in ambito militare nel campo del controllo degli armamenti si ottiene quando vi è un progetto politico comune. Ed oggi, in base alle decisioni che sono state prese in occasione dei vertici della NATO in Galles e a Varsavia, mancano queste basi politiche generali.

Fino a quando la NATO ufficialmente e informalmente dichiara la necessità di contenere la Russia, la vera base politica per un dialogo serio nel campo del controllo degli armamenti è improbabile che prenda forma," — ha dichiarato Grushko.

Correlati:

Generale USA accusa la Russia di voler disgregare la NATO
La NATO non vuole risolvere i problemi perché comprometterebbe la sua esistenza
USA, approvato acquisto di armi per i paesi NATO
Generale francese propone di sciogliere la NATO e di allearsi con la Russia
Forbes: Russia ha mandato in fumo piani NATO e USA nel Mar Nero grazie a Crimea
“The National Interest” definisce i sintomi della malattia terminale della NATO
Tags:
Politica Internazionale, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, Armi, Trattato CFE, NATO, Alexander Grushko, Europa, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik