11:11 19 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    Bandiera ucraina, crisi Donbass

    Politici tedeschi chiedono armi a Kiev e inasprimento sanzioni contro Russia

    © AP Photo/ Evgeniy Maloletka
    Politica
    URL abbreviato
    282626447

    I politici di diversi partiti tedeschi hanno espresso la necessità di inviare armi in Ucraina e rafforzare le sanzioni contro la Russia alla luce del peggioramento della situazione nel Donbass.

    Ne parla il quotidiano "Frankfurter Allgemeine", che ha intervistato i politici dopo aver illustrato i dati dell'OSCE, secondo cui le milizie filorusse violerebbero di più il cessate il fuoco rispetto ai militari ucraini.

    Allo stesso tempo il giornale sottolinea che il ministero degli Esteri tedesco dispone di informazioni molto diverse. Secondo il dicastero della diplomazia tedesca, il rapporto dell'OSCE non rivela alcuna sproporzione nel numero di violazioni della tregua.

    Tuttavia il ministero degli Esteri ha richiamato l'attenzione sul fatto che le parti in conflitto nell'ultimo periodo hanno violato la tregua sempre più spesso ed ha espresso la necessità di una stabilizzazione urgente della situazione. L'invio di armi in Ucraina, anche difensive, non viene considerato come parte della risoluzione della crisi dalla diplomazia tedesca, osserva "Frankfurter Allgemeine".

    Michael Galer, europarlamentare e membro della Cdu del cancelliere Angela Merkel, chiede l'invio di armi difensive e apparecchiature di sorveglianza in Ucraina.

    Il suo compagno di partito Elmar Brok, presidente della commissione Esteri del Parlamento europeo, si è inoltre espresso a favore delle forniture di armi in Ucraina "per non dare alla Russia alcuna possibilità per violare gli accordi di Minsk."

    La rappresentante dei Verdi Rebecca Harms ha esortato Bruxelles a "piantarla di affermare che violano la tregua entrambe le parti allo stesso modo". Questa generalizzazione indebolirebbe la posizione dei riformatori in Ucraina, ritiene l'esponente della sinistra radicale.

    Inoltre per la Harms la UE dovrebbe smettere di mettere in discussione l'efficacia delle sanzioni contro la Russia.

    Correlati:

    Lavrov: tentativo di Kiev per destabilizzare Crimea influenzerà dialogo su Donbass
    Capo diplomazia Germania spinge per riavvicinamento tra Russia e UE
    Medvedev: attacchi sventati in Crimea sono un crimine contro stato e popolo russo
    Sospetto sabotatore della Crimea confessa di essere stato militare di Kiev
    Tags:
    Accordi di Minsk, Politica Internazionale, sanzioni antirusse, Armi all'Ucraina, Unione Europea, Michael Galer, Elmar Brok, Rebecca Harms, Donbass, Russia, Ucraina, UE, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik