04:28 27 Giugno 2019
Giornale dopo il voto per la Brexit

Brexit potrebbe essere rinviata a fine 2019

© Sputnik . Alex McNaughton
Politica
URL abbreviato
518

Il processo di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea, per cui la maggior parte dei britannici ha votato nel referendum dello scorso giugno, potrebbe essere rinviata alla fine del 2019, riporta l'agenzia France-Presse riferendosi al giornale Sunday Times.

Il governo britannico ha ripetutamente affermato di aver bisogno di tempo per preparare l'avvio del processo d'uscita dalla UE, che non avverrà quest'anno, ed ha espresso la volontà di condurre negoziati preliminari prima di applicare l'articolo №50 del Trattato di Lisbona. Tuttavia la UE spinge Londra ad accelerare la Brexit e rifiuta di avere negoziati preliminari. Come riportato in precedenza, la notifica ufficiale della Gran Bretagna per l'applicazione delle disposizioni dell'articolo potrebbe essere inviata a Bruxelles all'inizio del 2017.

Allo stesso tempo, secondo il giornale, i ministri britannici hanno avvertito privatamente gli alti rappresentanti della finanza della City (Londra), che l'avvio di questo processo potrebbe non iniziare entro la fine del 2017, fatto che potrebbe far slittare operativamente la Brexit al 2019, dal momento che dall'entrata in vigore di questo accordo, entro 2 anni dalla notifica, tutti i trattati dell'Unione Europea cessano di essere validi nel Paese che lascia la comunità.

"Ora i ministri pensano che il lancio del processo possa essere rinviato alla fine dell'autunno 2017", — ha detto al giornale una delle fonti nella City. "Non hanno le infrastrutture per le persone che vogliono assumere. Dicono di non sapere nemmeno le domande giuste che dovranno formulare quando finalmente cominceranno i colloqui con l'Europa," — ha aggiunto.

L'agenzia fa notare che il primo ministro britannico Theresa May aveva precedentemente nominato al ministero per la Brexit David Davis, ma secondo quanto trapelato, il dicastero ha assunto la metà del numero di collaboratori necessari. Anche un altro nuovo dicastero, il ministero del Commercio Internazionale guidato da Liam Fox, ha difficoltà nel reclutamento di personale qualificato.

Inoltre, come rivelato al quotidiano da un membro anonimo nel governo, ci sono "alcune incognite" legate alle elezioni in Francia e Germania, che potrebbero sospendere l'avvio dei negoziati sulla Brexit.

In Francia le elezioni presidenziali si svolgeranno nell'aprile 2017, in Germania le politiche si terranno nell'autunno del 2017.

Correlati:

National Interest: l’UE deve temere la Polonia, non la Brexit
Leader dei Tories rassicura sui tempi della Brexit: “processo al via entro 2020”
Sondaggio rivela, maggioranza dei britannici contraria a nuovo referendum su Brexit
Brexit, il governo Cameron ha respinto la richiesta di ripetere il referendum
Europa dell'Est in stato di shock e panico dopo la Brexit
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Brexit, Unione Europea, UE, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik