11:15 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
4391
Seguici su

Il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump è sotto attacco per il fatto che vuole evitare il confronto con la Russia, ritiene l'esperto di Russia e professore emerito all'Università di Princeton e di New York Stephen Cohen.

"Ci stiamo avvicinando verso il confronto nucleare con la Russia come durante la crisi dei missili di Cuba, sia a ridosso dei confini russi sia probabilmente in Siria. Nei media americani non ci sono discussioni e la questione non viene dibattuta. Improvvisamente appare Donald Trump che si esprime in merito e dichiara di voler piantare questa nuova guerra fredda e cooperare con la Russia in vari campi.

Prima la chiamavamo distensione, ma ora, con mia grande sorpresa, i media sono pieni di accuse nello spirito di un nuovo maccartismo, che dipingono Trump come un agente russo o il candidato fantoccio di Putin," — ha rilevato Cohen questo fine settimana sulla CNN.

"Sembra che voglia una nuova politica americana nei confronti della Russia. Dato il possibile pericolo, penso che i cittadini americani meritino un dibattito su questo tema e non quello che passa ora sui media", — ritiene Cohen.

"Definire Trump "un agente russo" è fuori luogo, queste accuse arrivano dallo staff di Hillary Clinton. E' il momento di smetterla," — ha concluso Cohen.

Correlati:

“Se Hillary Clinton sarà presidente aumenterà la pressione USA contro la Russia”
Hillary Clinton promette di difendere l'America dalla minaccia russa e da Trump
“Hillary Clinton sarà un presidente di guerra, lo dimostra la sua carriera politica”
Tags:
Russofobia, Geopolitica, Propaganda, Politica Internazionale, Presidenziali USA 2016, mass media, Donald Trump, Hillary Clinton, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook