05:20 11 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
3137
Seguici su

Dal discorso pre-elettorale di Hillary Clinton durante la convention dei Democratici, si può dedurre che la politica di pressione dell'attuale amministrazione di Barack Obama sulla Russia continuerà, ritiene il dottore di Economia e ricercatore capo dell'Istituto di Studi su USA e Canada dell'Accademia Russa delle Scienze Vladimir Vasiliev.

Di recente alla convention dei Democratici a Philadelphia Hillary Clinton ha dichiarato di essere orgogliosa di sostenere "gli alleati della NATO contro qualunque minaccia che devono affrontare, compresa la minaccia russa."

Il discorso della Clinton è stato impostato come una sorta di risposta all'intervento del candidato repubblicano Donald Trump di 1 settimana fa.

"Come candidati, per esempio riguardo la posizione sull'aborto, è un problema loro. Come si relazionano con la Russia ci riguarda. Nel suo discorso Trump ha trascurato la Russia e l'Ucraina: non sono state persino menzionate. Trump ha definito la NATO un'organizzazione obsoleta ed ha sostenuto la necessità di riprogrammare la sua attività: la questione principale ora è la lotta contro il terrorismo", — Vladimir Vasilyev ha ricordato.

Inoltre in questo e in altri discorsi Trump ha fatto capire che è possibile cooperare con la Russia per trovare un terreno comune e lottare insieme contro il terrorismo. Inoltre, l'esperto russo ha ricordato che nella conferenza stampa di mercoledì Trump si è detto disposto a riconoscere la riunificazione della Crimea con la Russia e valutare la cancellazione dalle sanzioni contro Mosca.

"Pertanto era importante capire se la Clinton avesse toccato la questione russa nel suo discorso. Ne ha parlato e di fatto l'ha messa al 2° posto nella lista delle minacce dopo lo "Stato Islamico". Queste parole, anche se poche, in realtà significano veramente molto ed hanno un grande senso. La Clinton ha chiarito di continuare tutta la politica antirussa di Obama e a quanto pare rafforzerà questo corso," — ha detto Vasiliev.

Secondo l'analista, Trump mostra simpatia verso la Russia o almeno ha un atteggiamento pragmatico.

Secondo Vasiliev, "Hillary Clinton è vendicativa."

"Proprio la Clinton come segretario di Stato ha avviato la "politica di reset" con la Russia, ma questo corso è stato un fallimento. Nel 2014 in un'intervista la Clinton ha ammesso che la politica di reset è stata un errore. Da allora nutre un'ostilità personale nei confronti del presidente Putin. Se la Clinton andrà alla Casa Bianca prenderà forma questo suo risentimento", — predice Vladimir Vasiliev.

Nel discorso di Philadelphia Hillary Clinton ha inoltre promesso di sconfiggere i terroristi del Daesh.

"Ad oggi si tratta di una dichiarazione", — ritiene il politologo russo. "Come gli USA ora lottano contro lo "Stato Islamico", come è iniziato con Obama, lo farà la Clinton. L'insuccesso di questa lotta proseguirà. La Clinton dice che la lotta sarà lunga, nè incerta né titubante: andrà avanti. Non ci sarà nessuna cooperazione con la Russia", — conclude l'analista.

Correlati:

Presidenziali Usa, Hillary Clinton la prima donna ad ottenere la nomina per i Democratici
La diplomazia della Germania vuole Hillary Clinton alla Casa Bianca
“La vittoria della Clinton conviene alla Russia”: il parere della nipote di Krusciov
L'entourage di Hillary Clinton sicuro, "traccia russa" dietro scandalo e-mail
Tags:
ISIS, Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, Occidente, Presidenziali USA 2016, NATO, Donald Trump, Hillary Clinton, Vladimir Putin, Barack Obama, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook