15:50 16 Ottobre 2018
Guerriglieri in Libia

Russia accusa l'Occidente, restano i doppi standard nella lotta contro il terrorismo

© REUTERS / Esam Omran Al-Fetori
Politica
URL abbreviato
3150

La lotta internazionale contro il terrorismo oggi conserva ancora i doppi standard, i gruppi terroristici e radicali vengono sfruttati per destabilizzare e interferire negli affari interni degli Stati, ha detto il vice direttore del dipartimento sulle nuove sfide e minacce del ministero degli Esteri russo Vladimir Andreev.

Intervenendo ad una seduta dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite in occasione del 10° anniversario dell'approvazione della strategia globale per la lotta contro il terrorismo, ha osservato che restano i famigerati doppi standard e la prassi politicizzata di dividere i terroristi e gli estremisti in "cattivi" e "non completamente cattivi".

"Inoltre viene ammesso l'utilizzo dei gruppi terroristici, anche tra i più pericolosi, per schemi geopolitici volti ad interferire negli affari interni degli Stati, alla destabilizzazione e alla sostituzione di "regimi indesiderate," — ha dichiarato Andreev dal palco dell'ONU.

Ha rivolto l'attenzione agli eventi avvenuti in Medio Oriente e Nord Africa, che hanno portato alla nascita di gruppi terroristici di nuova generazione: lo "Stato Islamico" e "Al-Nusra".

Venerdì l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato all'unanimità una risoluzione a conferma della strategia antiterrorismo globale dell'ONU adottata nel settembre 2006.

Andreev ha osservato che durante la rassegna della strategia corrente è diventata palese e peculiare la prevenzione dell'estremismo violento che porta al terrorismo.

"Siamo a favore di una collaborazione più efficiente e intensa tra gli Stati e la comunità internazionale per prevenire la diffusione del terrorismo, compreso il contrasto della propagazione della sua ideologia, in particolare nello spazio informatico e tra i giovani", — ha detto.

Ha osservato che nell'ambito del contrasto all'estremismo e al terrorismo la Russia ha una significativa e positiva esperienza, sia a livello militare, internazionale e comunitario.

"Siamo pronti a condividere questa esperienza in tutti i formati adeguati per garantire una protezione paritaria tra tutti i Paesi contro il terrorismo", — ha detto il rappresentante della Federazione Russa.

Correlati:

Libia, Lavrov: L'assassinio di Gheddafi nel 2011 è stato un crimine di guerra
Attacco dell'Islam radicale in Europa: lungimirante la “profezia” di Gheddafi
Occidente e NATO hanno distrutto Gheddafi e tutta la Libia
Donald Trump: con Hussein e Gheddafi il mondo sarebbe migliore
Tags:
ISIS, Politica Internazionale, Estremismo, Geopolitica, Terrorismo, Occidente, ONU, Vladimir Andreev, Nord Africa, Medio Oriente, Siria, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik