15:46 13 Novembre 2019
Pavlo Klimkin, ministro degli Esteri dell'Ucraina

Kiev dice no a nuove trattative su revisione accordo di associazione con UE

© REUTERS / Yves Herman
Politica
URL abbreviato
475
Seguici su

Kiev non intende discutere gli emendamenti al testo dell'accordo di associazione con la UE, ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin al portale web “LB.ua”.

In precedenza il primo ministro olandese Mark Rutte aveva affermato che il suo governo non escludeva modifiche al testo.

Secondo il politico olandese, occorre approvare un quadro normativo vincolante che avrebbe preso in considerazione le problematiche emerse a seguito del referendum olandese.

Secondo Rutte, senza modifiche sarebbe stato impossibile ratificare l'accordo.

"Per quanto riguarda i discorsi sulla modifica del testo dell'accordo, non conduciamo negoziati né abbiamo intenzione di parlarne, questi cambiamenti sono impossibili senza il nostro consenso e il consenso di tutti gli Stati membri della UE," — ha detto Klimkin.

Secondo il ministro, se viene considerata da qualcuno questa "possibilità teorica, allora occorre fare proposte a Kiev, anche perché negli ultimi anni l'Ucraina ha intrapreso una lunga strada."

Klimkin ha inoltre dichiarato di "non invidiare il governo olandese", ritrovatosi in una "posizione ambigua". Allo stesso tempo il capo della diplomazia ucraina ha sottolineato che il referendum non era solo relativo all'associazione dell'Unione Europea con Kiev, ma era legato in un certo senso all'Europa e ai suoi problemi.

"E' stato il primo referendum simile nella storia del Paese, reso possibile da una legge entrata in vigore solo l'anno scorso. In secondo luogo il referendum è avvenuto dopo la ratifica dell'accordo da parte del Parlamento olandese, eletto da tutti i cittadini di questo Paese. In realtà al referendum ha votato "no" complessivamente meno del 20% degli elettori… Il dibattito è in corso nei Paesi Bassi, si tratta di un loro affare interno," — ha osservato Klimkin.

L'accordo di associazione tra l'Ucraina e l'Unione Europea, firmato nel giugno 2014, è stato ratificato dai Parlamenti di tutti i 28 Stati membri della UE. Tuttavia in Olanda è stato indetto un referendum lo scorso aprile sulla fattibilità di questa decisione.

La ratifica del documento è stata sostenuta da poco più il 38% degli elettori, mentre il 61% ha votato "no".

Il referendum è di natura consultiva e non vincolante. Tuttavia il governo olandese ha annunciato che non avrebbe ignorato l'opinione dei propri concittadini.

Correlati:

Referendum, bocciatura associazione Ucraina-UE: Bruxelles aspetta decisioni Olanda
Kiev preoccupata dal referendum in Olanda su associazione Ucraina-UE
“Gli olandesi hanno bocciato la Commissione Europea e l'economia ucraina”
Accordo Ue-Ucraina, l'Olanda dice no
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, referendum, Associazione con Ucraina, Unione Europea, Mark Rutte, Pavlo Klimkin, UE, Olanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik