04:56 24 Ottobre 2018
Jorge Fernández Díaz, ministro degli Interni

Spagna, ministro degli Interni indagato 3 giorni dal voto

© flickr.com/ Press Cambrabcn
Politica
URL abbreviato
0 40

Accuse pesanti per Jorge Fernando Diaz a poche ore dalle elezioni politiche: avrebbe tentato di costruire false prove per incriminare i vertici dei partiti indipendentisti catalani.

A pochi giorni dalle elezioni spagnole, i leader del Partito Socialista, di Ciudadanos e Podemos hanno chiesto le dimissioni del ministro degli Interni, Jorge Fernando Diaz, del Partito Popolare, dopo la pubblicazione da parte del giornale Publico di alcune intercettazioni che dimostrerebbero il suo coinvolgimento in un complotto contro i partiti indipendentisti catalani.

Secondo quanto riferito pochi giorni fa dal quotidiano iberico, il ministro Diaz avrebbe tentato di costruire una serie di false prove per fare incriminare alcuni tra i dirigenti di Esquerra Republicana de Catalunya e Convergencia Democratica de Catalunya, alla vigilia del referendum che nel 2014 sull'indipendenza della Catalogna.

Nelle intercettazioni telefoniche rese note da Publico, il ministro parla con il direttore dell'ufficio antifrode della regione autonoma con a capoluogo Barcellona, mostrandosi interessato alla fabbricazione di falsi dossier tesi a screditare i leader catalani.

Il ministro spagnolo ha in queste ore smentito le accuse, sostenendo di essere vittima di un complotto politico, al pari del primo ministro uscente Mariano Rajoy, anch'esso citato nelle intercettazioni come persona a conoscenza dell'operazione di dossieraggio e che si è detto in queste ore del tutto estraneo alla vicenda.    

Correlati:

Elezioni Spagna, stasera il confronto tra i candidati
Tags:
Indagine, Elezioni, Jorge Fernández Díaz, Spagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik