04:08 14 Dicembre 2019
Dmitry Peskov, portavoce del presidente della Russia

Sanzioni, Cremlino risponde a Sarkozy: "non serve beneficenza"

© Sputnik . Alexey Kudenko
Politica
URL abbreviato
16391
Seguici su

Fare beneficenza e annullare le sanzioni di risposta sullo sfondo di un'errata interpretazione degli accordi Minsk da parte dei partner occidentali non sarebbe saggio, ha dichiarato il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov.

Nella giornata di ieri l'ex presidente francese Nicolas Sarkozy aveva invitato Mosca ad annullare per prima le sanzioni economiche di risposta contro i Paesi occidentali. Il più forte deve porgere la mano, aveva detto Sarkozy, "il più forte è la Russia e il presidente Putin".

Il presidente russo non ha avuto alcuna reazione a questa proposta, ha detto Peskov. Ha aggiunto che tali dichiarazioni arrivano nell'ambito di un'interpretazione sbagliata degli accordi di "Minsk-2".

"Questo equivoco deriva dal fatto che costantemente come un si ripete la frase che la Russia deve rispettare gli accordi Minsk," — ha osservato Peskov.

L'erroneità di tale ragionamento è facile da verificare leggendo il testo degli accordi, ha affermato Peskov, aggiungendo che "non è un documento molto lungo."

"Certo, sullo sfondo di queste affermazioni cimentarsi in opere di carità e annullare le contromisure, non mi sembra molto ragionevole", — ha sottolineato.

Correlati:

Sanzioni contro la Russia: l’UE paga il prezzo più alto
Lavrov: Russia non rincorrerà UE e USA per la cancellazione delle sanzioni
“UE teme ritorsioni degli USA per la cancellazione delle sanzioni contro la Russia”
Tags:
Accordi di Minsk, Diplomazia Internazionale, Sanzioni, sanzioni antirusse, Politica Internazionale, Cremlino, Unione Europea, Vladimir Putin, Nicolas Sarkozy, Dmitry Peskov, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik