11:37 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
35251
Seguici su

Gli avversari della Russia cercano di creare l'immagine dell'aggressore, ma l'intera politica del Paese racconta una storia diversa, ha affermato il vicepresidente della Duma Sergey Zheleznyak.

"I russi sono sempre aperto al dialogo e al rispetto delle tradizioni di altre nazioni. Nonostante i nostri avversari cerchino di creare per la Russia l'immagine di aggressore, tutta la nostra politica dice il contrario. La nostra patria interpreta il ruolo di pacificatore, fornisce assistenza umanitaria, salva la gente dalla guerra, dalla distruzione e dalla fame", — ha detto ai giornalisti Zheleznyak.

Secondo lui, la Russia rimarrà un centro di stabilità, pace e cultura.

"Allo stesso tempo occorrerà sempre difendere la propria sovranità e indipendenza e i diritti e le libertà dei nostri concittadini e del grande mondo russo," — ha aggiunto Zheleznyak.

Il Giorno della Russia è una delle feste civili più giovani nel Paese. Il 12 giugno del 1990 il primo congresso dei deputati del popolo della Repubblica Socialista Sovietica Russa aveva adottato la Dichiarazione di Sovranità dello Stato russo. Ufficialmente la denominazione di questa festa come "Giorno della Russia" è stata assegnata solo nel 2002.

Correlati:

12 giugno: il Giorno del Rinnovamento della Russia
Putin respinge proposta su linea morbida con Occidente: "sovranità non in vendita"
Putin: un esercito forte con armi moderne è garanzia della sovranità della Russia
Tags:
Russofobia, Occidente, Politica Internazionale, Geopolitica, Diplomazia Internazionale, Sergey Zheleznyak, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook