05:46 16 Ottobre 2018
Ex sindaco di Londra Boris Johnson

Il "Trump britannico": come Boris Johnson si è costruito la sua reputazione scandalosa

© REUTERS / Jeff Overs/BBC
Politica
URL abbreviato
492

L'ex sindaco di Londra Boris Johnson non è una di quelle persone che si tiene a freno con la lingua, le sue dichiarazioni caustiche a volte diventano motivo di scandalo.

Come strenuo sostenitore della Brexit non esita a ricorrere a tutte le sue qualità per promuovere le sue idee.

Giudicate voi stessi per quanto si merita il titolo di "Donald Trump britannico".

1. Alla fine di maggio Boris Johnson ha vinto il concorso della rivista inglese "Spectator", per la poesia più offensiva indirizzata nei confronti del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

2. Tuttavia, Erdogan non si tratta di un caso isolato. Più di una volta Johnson ha sostenuto la necessità di liberare il Regno Unito dall'Unione Europea.

"C'è qualcuno sano di mente che vorrebbe aderire oggi alla UE? Ha 50 anni, si muove nella direzione sbagliata. E' giunto il tempo per vere riforme. L'unico modo per intraprenderle è andarsene," — ha detto Johnson a marzo, parlando in un comizio per l'uscita dalla UE a Dartford.

Secondo lui, con l'uscita dalla UE potranno trarre benefici tutte le parti interessate.

"Grazie ai magistrati europei nelle strade di Londra si aggirano terroristi, assassini e criminali molto pericolosi che non possono essere espulsi, perché questi problemi sono gestiti dalla Corte di Giustizia europea", — ha dichiarato Johnson questa settimana.

3. Alla fine di maggio in un'intervista al "Telegraph", Boris Johnson ha affermato che la UE persegue gli stessi obiettivi di Hitler: fare tutto affinchè da un solo posto si realizzi il controllo dell'intera Europa, creando un "forte ed unico superstato".

4. Come Trump, Johnson è stato criticato per il supporto manifestato all'indirizzo di Vladimir Putin. L'occasione sono diventati i suoi interventi sulle colpe della UE negli eventi in Ucraina.

"Se avete bisogno di un esempio di decisioni di politica estera frettolosamente adottate dalla UE che hanno portato l'Europa a gestire la politica di difesa, date un'occhiata a quanto è successo in Ucraina", — ha detto. Secondo lui, i "veri problemi" in Ucraina sono iniziati solo per le azioni della UE in questo Paese.

5. Alla fine di aprile il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha pubblicato sul "Telegraph" un articolo con il seguente titolo: "Lasciatemi dire come vostro amico, perché la UE rende il Regno Unito ancora più grande".

Subito dopo Boris Johnson ha pubblicato la sua risposta in un articolo sul "Sun" dal titolo "Mr. Obama, il Regno Unito e gli Stati Uniti possono diventare così amici come non lo sono mai stati… se ce ne andiamo dalla UE."

In questo articolo ha fortemente criticato la politica degli Stati Uniti.

"Quando gli Stati Uniti ci dicono che la Gran Bretagna dovrebbe cedere la sua sovranità e il controllo della maggior parte della sua democrazia, è un esempio lampante del principio "fai come diciamo noi, ma non come facciamo noi".

Correlati:

Brexit, Johnson. Modello australiano per i migranti
L'euroscetticismo va oltre la Brexit
Brexit in testa nei sondaggi, sterlina giù
Brexit, Trump, Le Pen. Verso il crollo del mondo unipolare?
Obama “minaccia” Londra in caso di Brexit: difficile firmare accordi commerciali con USA”
Tags:
euroscetticismo, Brexit, Unione Europea, Recep Erdogan, Vladimir Putin, Barack Obama, Boris Johnson, USA, UE, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik