16:27 18 Ottobre 2018
Bandiere di Russia e UE

Senatore francese rivela nuovo schema per la cancellazione delle sanzioni UE contro Russia

© Sputnik . Vladimir Sergeev
Politica
URL abbreviato
24103

Nell'Unione Europea si apprestano a discutere "le nuove regole del gioco delle sanzioni", che prevedono la cancellazione delle sanzioni graduale e in parallelo. Lo ha scritto il portale informativo "Gazeta.ru".

Il nuovo schema di rimozione delle misure restrittive sarà proposto all'interno della conferenza delle commissioni parlamentari sugli affari europei dei Paesi membri della UE (COSAC), che si svolgerà il 13 e 14 giugno all'Aja, ha dichiarato in un'intervista con il portale Simon Sutour, senatore francese e uno degli autori della risoluzione sulla necessità di un graduale allentamento delle sanzioni.

"La nuova idea contempla una revoca graduale delle sanzioni. In precedenza la UE richiedeva che la Russia attuasse pienamente gli accordi Minsk per porre fine al conflitto in Ucraina orientale e come misura di reciprocità offriva l'eliminazione completa delle sanzioni economiche. Proponiamo di dividere il processo in più fasi. Se la Russia verrà incontro gradualmente, le sanzioni dovranno essere rimosse fase dopo fase, conformemente a questi cambiamenti,"- ha detto Sutour.

Secondo il politico francese, uno dei passi di Mosca a cui sarebbe potuto seguire l'allentamento delle sanzioni è la grazia concessa a Nadia Savchenko, in precedenza condannata per l'uccisione dei giornalisti russi di VGTRK nel Donbass.

"Ora è sfumato l'attimo", — "Gazeta.ru" cita le parole del politico francese.

Oltre alle sanzioni economiche, tra la Russia e l'Unione Europea esistono sanzioni individuali, che Sutour propone di ritirare "senza precondizioni, dal momento che rendono i contatti difficili".

A partire dalla primavera del 2014, i Paesi occidentali hanno introdotto gradualmente sanzioni economiche e individuali contro Mosca, dopo l'avvenimento della riunificazione della Crimea con la Russia a margine di un referendum. Inoltre Mosca è accusata di sostenere le milizie separatiste nel Donbass. In risposta la Russia ha limitato le importazioni dei prodotti agroalimentari dai Paesi che hanno imposto sanzioni. Al momento la questione della cancellazione delle sanzioni dell'Unione Europea è legata all'attuazione degli accordi di Minsk. Tuttavia la Russia ha più volte sottolineato di non essere coinvolta nel conflitto interno ucraino e di non supportare le milizie separatiste, sia finanziariamente che militarmente.

Correlati:

Le sanzioni cadranno dopo le elezioni USA, intanto l'Italia si avvicina alla Russia
Francia: anche il senato è contro le sanzioni alla Russia
Italia contro le sanzioni: altre regioni seguono l’esempio del Veneto
La Baviera investe in Russia aggirando le sanzioni UE
Lavrov: per la Russia è irrilevante sapere quando verranno cancellate le sanzioni
“UE teme ritorsioni degli USA per la cancellazione delle sanzioni contro la Russia”
Tags:
Accordi di Minsk, Diplomazia Internazionale, sanzioni antirusse, Politica Internazionale, Cosac, Unione Europea, Simon Sutour, Donbass, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik