07:49 05 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
9381
Seguici su

Il deputato dell'Assemblea Nazionale francese Thierry Mariani ritiene che la Verchovna Rada (Parlamento ucraino, ndr) non abbia effettuato nessuna delle riforme contemplate dagli accordi di Minsk, pertanto dovrebbero essere imposte delle sanzioni contro l'Ucraina, scrive "Izvestia".

Come raccontato dal politico al giornale russo, Kiev mostra mancanza di rispetto verso gli accordi, ignorando l'adempimento dei suoi obblighi.

Mariani ha inoltre ricordato che tra pochi giorni nella Camera alta del Parlamento francese si voterà per l'abolizione delle sanzioni contro Mosca. Il deputato ritiene che questa idea abbia maggiori probabilità di successo, nonostante l'approvazione della risoluzione abbia solo carattere consultivo.

Alla fine di aprile una risoluzione sulla revoca delle sanzioni contro Mosca era stata adottata dalla camera bassa dell'Assemblea Nazionale.

Mariani ha detto che se una mozione simile incasserà il sostegno dei senatori, per Parigi risulterà molto difficile ignorare il parere dei parlamentari.

Mariani ha dichiarato di essere a conoscenza della risoluzione del consiglio regionale del Veneto, che chiede la revoca delle sanzioni. Secondo lui, il disaccordo delle assemblee regionali con la linea della UE indica che sempre più i politici stanno cominciando a interrogarsi sulla necessità di mantenere le sanzioni a proprio danno.

Dal 2010 al 2012 Thierry Mariani è stato il ministro dei Trasporti della Francia. Ora è un membro dell'Assemblea Nazionale, eletto tra i francesi residenti all'estero. Nel luglio 2015 è stato uno dei primi politici europei ad aver visitato la Crimea, inoltre è uno dei promotori della risoluzione relativa alla cancellazione delle sanzioni contro Mosca.

Le sanzioni UE imposte contro la Russia scadono il 31 luglio.

La decisione per estendere le misure restrittive dovrà essere presa al vertice UE del 28 e 29 giugno. E' stato riferito che 5 membri della UE — Ungheria, Cipro, Grecia, Italia e Slovacchia — sono orientati a chiedere la revoca delle sanzioni.

Correlati:

Francia, Mariani: “Ora governo discuta su sanzioni contro Russia”
Francia, una risoluzione per cancellare le sanzioni contro Mosca
“UE teme ritorsioni degli USA per la cancellazione delle sanzioni contro la Russia”
Italia e Ungheria contro la proroga automatica delle sanzioni alla Russia
Poroshenko sicuro, "convincerò Parlamento a riformare la Costituzione"
Donbass, filorussi rilevano tank e lanciarazzi ucraini presso la linea di contatto
Tags:
sanzioni antirusse, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Unione Europea, Thierry Mariani, Donbass, Russia, UE, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook