01:03 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 1°C
    Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

    Siria, il Pentagono esclude operazioni congiunte anti-Daesh con la Russia

    © Foto: Pubblico dominio
    Politica
    URL abbreviato
    5010

    Il portavoce della Difesa ha ribadito che tra Washington e Mosca esiste un memorandum di intesa per garantire la sicurezza dei voli nello spazio aereo siriano.

    Il Dipartimento della Difesa statunitense non ha intenzione di condurre operazioni anti-Daesh congiunte in Siria. Lo ha confermato il portavoce della Difesa Michelle Baldanza a Sputnik.

    "Non stiamo pianificando eventuali operazioni militari congiunte con la Russia", ha detto Baldanza aggiungendo che il Pentagono "continua a usare" il memorandum di intesa esistente con il ministero della Difesa russo per garantire la sicurezza dei voli nello spazio aereo siriano.

    Baldanza ha anche ricordato che Washington tiene discussioni interagenzia regolari con la Russia e altri partner per sostenere la cessazione delle ostilità.

    "Prendiamo atto dell'attenzione della Russia nell'attaccare il Daesh in Siria a seguito dell'attuazione della cessazione delle ostilità", ha sottolineato Baldanza.

    Le forze dell'ordine siriane hanno lanciato proprio ieri un'operazione per riconquistare la città di Raqqa con il sostegno degli Usa e si sono detti pronti a coordinare le loro attività anche con la Russia. In risposta, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov aveva detto che Mosca era pronto a coordinare gli sforzi con la coalizione guidata dagli Stati Uniti e le forze armate siriane per liberare la roccaforte dal Daesh.    

    Correlati:

    Politico: il Pentagono e la fantomatica minaccia russa
    Tags:
    ISIS, Terrorismo, crisi in Siria, Lotta al terrorismo, Michelle Baldanza, Siria, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik