00:23 26 Aprile 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 10°C
    Erdogan (foto d'archivio)

    Portavoce di Erdogan: "Turchia non farà concessioni alla UE per l'abolizione dei visti"

    Turkish Presidential Press Office
    Politica
    URL abbreviato
    3013

    La Turchia non cederà ai diktat dell'Unione Europea in merito alla revisione della legislazione anti-terrorismo per l'abolizione del regime dei visti con Ankara, ha dichiarato Ibrahim Kalin, portavoce del presidente Erdogan.

    "Abbiamo soddisfatto 72 condizioni (per l'abolizione dei visti), come promesso. Ora la UE ci chiede di cambiare il nostro approccio nella lotta contro il terrorismo. Queste raccomandazioni suggeriscono che la UE si immagina male ciò che sta accadendo in Turchia. L'adozione di queste proposte, se non è sostegno, almeno è incoraggiamento del terrorismo, dà ai terroristi la possibilità di rafforzare le loro posizioni. Non possiamo compiere questo passo, non c'è dubbio," — ha detto Kalin in una conferenza stampa ad Ankara.

    Ha espresso stupore per il fatto che da molto tempo la Turchia non è riuscita a passare ad un regime senza visti con i Paesi della UE.

    "Un Paese come la Turchia, membro della NATO, è coinvolto in diversi processi europei, da molto tempo avrebbe potuto ottenere un regime senza visti, il fatto che non lo abbiamo non è colpa nostra, ma dell'Unione Europea", — ha detto Kalin.

    Correlati:

    Welt: Erdogan ha fregato l’intera Europa, ma ha rovinato la Turchia
    Erdogan: non modificheremo le leggi antiterrorismo per far contenta l’UE
    Erdogan avverte la UE sull'abolizione dei visti alla Turchia: "facciamo a modo nostro"
    Erdogan considera provocatoria la risoluzione europea sulla Turchia
    Merkel, Erdogan e i "valori" europei
    “Il vertice UE-Turchia celebra la morte dei valori dell'Europa”
    Tags:
    Terrorismo, Schengen, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Visto, Unione Europea, UE, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik