00:19 26 Aprile 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 10°C
    L'attentato terroristico dell'11 settembre a New York

    Senato USA approva legge su responsabilità sauditi per attacchi 11 settembre

    © AP Photo / Diane Bondareff
    Politica
    URL abbreviato
    10142

    Martedì il Senato degli Stati Uniti ha approvato una legge che permette alle famiglie delle vittime degli attentati dell'11 settembre 2001 di fare causa contro il governo dell'Arabia Saudita, riporta l'agenzia "Associated Press" relazioni in base al quale le famiglie delle persone uccise negli attacchi dell'11 settembre 2011.

    I cittadini americani possono citare in giudizio qualsiasi membro delle autorità saudite che può essere stato implicato nell'organizzazione di attentati terroristici.

    Contemporaneamente le autorità saudite hanno minacciato la Casa Bianca che, in caso di approvazione della legge di condanna contro le autorità saudite per il coinvolgimento negli attentati terroristici, ritireranno asset ed investimenti dagli Stati Uniti pari a 750 miliardi di dollari.

    Lo scorso marzo un tribunale degli Stati Uniti aveva imposto all'Iran di pagare 10,5 miliardi di dollari a titolo di risarcimento a beneficio delle compagnie assicurative e ai parenti delle vittime degli attacchi dell'11 settembre 2001.

    In seguito la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto l'appello della Banca Centrale dell'Iran per la restituzione di 2 miliardi $ di beni congelati di Teheran, stabilendo di destinare questi fondi alle famiglie delle vittime americane degli attentati in cui sarebbe coinvolto l'Iran.

    Correlati:

    11 settembre: un altro documento chiama in causa l’Arabia Saudita
    USA: CIA contro la desecretazione del dossier sull’11 settembre
    New York Times: “E’ ora di chiarire i misteri dell’11 settembre”
    USA: declassificare i documenti sui finanziatori dell’11 Settembre
    Tags:
    Terrorismo, Politica Internazionale, 11 settembre, Al Qaeda, Senato degli USA, Congresso USA, New York, Arabia Saudita, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik