Widgets Magazine
14:23 23 Ottobre 2019
Pablo Iglesias, il leader di Podemos

Spagna, Podemos con la sinistra alle elezioni di giugno

© REUTERS / Andrea Comas
Politica
URL abbreviato
302
Seguici su

Gli eredi politici del movimento degli Indignados, terza forza del Paese alle politiche di dicembre scorso, trovano un'intesa con Izqierda Unida. Pablo Iglesias: La famiglia si è riunita.

Mariano Rajoy, il primo ministro della Spagna
© REUTERS / Eloy Alonso
Prime manovre in Spagna tra i partiti in vista delle elezioni politiche indette per il prossimo 26 giugno. In quel giorno, a sei mesi di distanza dall'ultimo tentativo, i cittadini spagnoli saranno chiamati a scegliere un nuovo governo dopo e infruttuose consultazioni di questi mesi e l'impasse politica creata dal risultato di sostanziale parità di tre partiti: Popolari, Socialisti e Podemos.

Ed è proprio in seno al partito erede del movimento degli Indignados che si registrano le maggiori novità, in tema di posizionamento politico e di alleanze. Annunciato ieri l'accordo con Izqierda Unida, la sinistra definita radicale in Spagna, per una riunificazione che lo stesso segretario di Podemos, Pablo Iglesias, ha definito fisiologica. "Io ho sempre votato Izquierda Unida" ha affermato Iglesias a margine dell'annuncio, che sancisce la prima vera novità rispetto alla campagna elettorale di fine 2015.

Alberto Garzon, segretario del partito di sinistra stavolta ha strappato un sì a Podemos, che provvederà come già annunciato alla ratifica dell'accordo solo dopo la consultazione online a cui sarà chiamata a partecipare la base del movimento. Nello specifico l'intesa siglata ieri davanti alla Porta del Sol, luogo simbolo delle contestazioni che nel 2011 diedero via alle contestazioni, prevede che le due formazioni politiche si spartiscano i seggi eventualmente ottenuti, correndo con un'unica sigla, nella proporzione di un deputato di Iu ogni sei di Podemos.

Se i risultati di fine giugno dovessero, come confermato attualmente dai principali sondaggi, avere lo stesso esito di quelle di dicembre scorso, l'alleanza Podemos-Iu potrebbe ottenere più seggi dei socialisti, aprendo alla concreta possibilità di un esecutivo guidato dagli Indignados spagnoli.    

Correlati:

Podemos chiede di rivedere i rapporti con l’Arabia Saudita
Spagna, Rajoy incontra Podemos e Ciudadanos
Podemos, Iglesias si dimette da Bruxelles
Tags:
voto, Elezioni, Podemos, Spagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik