07:50 27 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
13012
Seguici su

Ci sono progressi nella posizione statunitense in merito al destino del presidente siriano Bashar Assad, ma Washington insiste ancora sulla sue dimissioni dopo il completamento del processo diplomatico tra le parti siriane. Lo ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Gennady Gatilov in un'intervista al quotidiano "Izvestia".

"Su questo punto ci sono progressi, ma bisogna ammettere che continuano a parlare delle sue dimissioni al termine del processo diplomatico, — ha detto Gatilov. — Stanno cercando di ottenere da noi la conferma che la sua uscita avvenga al termine del processo diplomatico, così come insistono sulla necessità di un periodo di transizione".

Inoltre Gatilov ha chiarito che se precedentemente gli Stati Uniti insistevano sull'impossibilità di avviare qualsiasi negoziato con la permanenza di Assad al potere, ora questo diktat non è più un prerequisito per normalizzare la crisi in Siria.

Allo stesso tempo il diplomatico ha ribadito che la Federazione Russa ha sempre sostenuto che il destino del presidente Assad sia nelle mani degli stessi siriani.

"La questione del destino di Assad deve essere decisa dalle parti nel contesto dei negoziati, con la condizione che il processo diplomatico sia aperto a tutte le forze politiche siriane, che hanno il diritto di determinare il futuro del proprio Paese", — ha rilevato.

Correlati:

Mogherini parteciperà ad incontro del gruppo "Amici della Siria" a Parigi
Per la diplomazia francese la Russia deve spingere Damasco a fermare i bombardamenti
Mosca risponde alle critiche USA su Assad e Palmira
La NBC svela il piano della CIA per rovesciare Assad
Assad: Occidente disonesto. Solo gli stati amici corrono in aiuto nel momento del bisogno
Accordo Russia-USA su Assad? Lavrov accusa Washington di “disinformazione”
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, negoziati intrasiriani, Il Ministero degli Esteri della Russia, Bashar al-Assad, Gennady Gatilov, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook