10:27 29 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
6341
Seguici su

Il concerto a Palmira è stata una risposta alle argomentazioni degli Stati Uniti in merito alla liberazione della città dai terroristi dello "Stato Islamico" (Daesh), ha dichiarato il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov.

Giovedì nell'anfiteatro di Palmira c'è stato un concerto dell'orchestra sinfonica del Teatro Mariinsky sotto la direzione del direttore russo Valery Gergiev. Il concerto era stato intitolato: "Con una preghiera per Palmira: la musica fa rivivere le antiche mura."

"Mentre gli Stati Uniti decidono se sia stato un bene o un male la liberazione di Palmira, il concerto mozzafiato di Palmira è stata una risposta che ha colpito il mondo intero. Bravo, Gergiev!" — Pushkov ha scritto nel suo microblog su Twitter.

Inoltre venerdì, presso l'anfiteatro di Palmira si è svolto un altro concerto di festa dedicato alla memoria dei combattenti caduti per l'indipendenza della Siria. Al concerto ha assistito circa un migliaio di persone, tra cui centinaia di rappresentanti dei media. Sul palco dell'antico anfiteatro si sono esibite le bande delle forze armate siriane, l'orchestra nazionale siriana e il coro del conservatorio di musica.

L'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Michael McFaul ha commentato il tweet del presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov sull'importanza del concerto a Palmira.

"Ho deciso da molto tempo. E' una buona cosa", — McFaul ha scritto in risposta alle parole del deputato.

L'antica città di Palmira, inserita nella lista del patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO, è stata controllata per quasi un anno dai terroristi dello "Stato Islamico" (Daesh), fino al 27 marzo, quando l'esercito siriano supportato dall'Aviazione russa e dalle milizie filo-Assad ha espugnato la città dagli islamisti. Secondo le prime stime, si è conservato l'80% della parte storica di Palmira. I terroristi hanno distrutto l'Arco del Trionfo, i templi di Bel e Baal Shamin, le colonne funerarie e un certo numero di colonne della strada. Sono rimasti danneggiati per mano dei terroristi la cittadella di Salah ad-Din e il Museo Nazionale. Tutto quello che gli esperti siriani del museo non sono riusciti a portare via o è stato rubato o distrutto. Secondo gli storici dell'arte, per ripristinare il sito storico di Palmira ci vorranno fino a 5 anni.

Correlati:

Mosca risponde alle critiche USA su Assad e Palmira
Concerto a Palmira dell'orchestra del Teatro Mariinsky con la direzione di Gergiev
The Economist: dove prima tuonavano i cannoni adesso risuonano le sinfonie di Bach
Tags:
ISIS, Terrorismo, Musica, Cultura, Concerto, Teatro Mariinsky, Alexey Pushkov, Palmira, USA, Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook