20:12 08 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
1167
Seguici su

Gli staff dei due ex presidenti confermano: per la prima Bush padre e figlio non parteciperanno al dibattito per le presidenziali.

Tutti contro Donald Trump. Dopo la sospensione delle campagne dei gli ultimi due rivali rimasti in corsa per la nomination repubblicana il miliardario americano, sempre più vicino all'incoronazione ufficiale, vede crescere il fronte dei suoi "nemici". Il ritiro di Ted Cruz e, poche ore dopo, l'annuncio di sospensione della campagna anche da parte di John Kasich, hanno di colpo reso concreto ciò che parte dell'opinione pubblica americana ha forse creduto impossibile che potesse verificarsi.

In attesa di assistere a quello che, tradizionalmente per la politica americana, sarà il presumibile cambio di marcia, nei toni e negli argomenti, che i vincitori delle primarie fanno quando parte la corsa alla Casa Bianca, non si fermano le dichiarazioni di sfiducia a Trump da parte dell'establishment repubblicano.

Ieri è stato il turno di due ex presidenti eccellenti, Bush padre e figlio che, con due diverse dichiarazioni dei rispettivi staff hanno confermato che non parteciperanno attivamente alla campagna presidenziale. Se non proprio una dichiarazione di avversità a Trump, quello mandato dai Bush è certamente un segnale di freddezza, considerato che dal 1996, prime elezioni seguite alla fine del mandato di George Bush senior, entrambi sono stati sempre coinvolti nelle campagne presidenziali con un ruolo attivo di sostegno al candidato repubblicano alla Casa Bianca.    

Correlati:

Primarie Usa, i sondaggi dicono Trump-Clinton
Trump: sì all'abbattimento dei caccia russi se si avvicinano agli aerei USA
Trump: impedire che la Cina continui a ‘stuprare’ l’America
La politica estera di Trump è il motivo per cui dovremmo tifare per lui
Trump annuncia la sua linea di politica estera
Tags:
elezioni presidenziali, George W. Bush, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook