08:00 15 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
14244
Seguici su

Il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha affermato che Mosca considera il dispiegamento di truppe statunitensi sul territorio della Siria una violazione della sovranità del Paese, in quanto l'operazione non è stata coordinata con Damasco.

Ha sottolineato che la Russia non può non essere preoccupata da questa decisione.

Il diplomatico ha aggiunto che i contatti tra i dicasteri della difesa di Russia e Stati Uniti proseguono di giorno in giorno.

Nella giornata di ieri il ministero degli Esteri della Siria aveva fortemente condannato la palese interferenza di Washington negli affari interni del Paese.

Il 27 aprile una fonte curda in Siria aveva rivelato che nella città controllata dalle milizie curde di Rmeylan erano arrivati 150 militari degli Stati Uniti, compresi istruttori e ufficiali dei servizi segreti.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva annunciato la decisione di inviare altri 250 soldati per aiutare gli alleati locali nella lotta contro i terroristi del Daesh.

Il presidente statunitense ha chiarito che i militari americani non prenderanno parte ai combattimenti, ma saranno impegnati nell'addestramento delle forze locali.

Correlati:

USA: Obama annuncia la spedizione di un contingente militare in Siria
Siria: arrivo militari USA è un’aggressione e una violazione alla sovranità dello stato
Tags:
Difesa, Sicurezza, Politica Internazionale, esercito USA, Il Ministero degli Esteri della Russia, Sergey Ryabkov, Barack Obama, Medio Oriente, USA, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook