Widgets Magazine
05:25 23 Luglio 2019
La bandiera della Croazia

Serbia-Croazia, Belgrado manda nota di protesta a Zagabria

© flickr.com/ Ingo Meironke
Politica
URL abbreviato
8211

in precedenza il capo della diplomazia croato, Miro Kovac, ha detto che la Serbia non dovrebbe avere una legge che permetta di perseguire i crimini di guerra commessi nei paesi dell’ex Jugoslavia perché è “una perversione storica”

Il ministero degli Esteri serbo ha detto di aver consegnato una nota di protesta all'ambasciatore della Croazia a Belgrado dopo una dichiarazione di "insulto" da parte del ministro degli Esteri croato sulla Serbia.

All'inizio di questa settimana, il capo della diplomazia della Croazia, Miro Kovac, ha detto che la Serbia non dovrebbe avere una legge che permette di perseguire i crimini di guerra commessi nei paesi dell'ex Jugoslavia perché è "una perversione storica", dal momento che — secondo Kovac — la Serbia è lo stato da cui hanno avuto origine le guerre balcaniche nel 1990.

"Il ministero degli Esteri della Serbia coglie l'occasione per sottolineare gli attacchi nazionalisti quasi quotidiani e i discorsi di odio nella Repubblica di Croazia, che producono un senso di insicurezza tra i membri della minoranza nazionale serba", ha scritto il ministero degli Esteri della Serbia nella nota di protesta.

Correlati:

Il tribunale per l’ex Jugoslavia assolve Vojislav Šešelj per insufficienza di prove
Dalla Jugoslavia all’Ucraina, come raggiungere gli scopi egemonici
“Ucraina più grande errore europeo dopo Jugoslavia”
Tags:
ex-Jugoslavia, attacchi nazionalisti, Il ministero degli esteri serbo, Miro Kovac, Belgrado, Croazia, Serbia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik