20:11 04 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
739
Seguici su

Mosca è molto preoccupata del fatto che la UE tolleri i tentativi di Ankara di convertire il processo diplomatico sulla crisi in Siria in una soluzione di forza, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

"Non sono pochi quelli che vogliono pensare al "piano B", se non al centro del Pentagono e degli altri dipartimenti governativi statunitensi, sicuramente nella regione. Mi riferisco in particolare alla Turchia, che non solo persevera nei suoi tentativi, ma dichiara direttamente di intervenire con la forza. Sono state promosse diverse idee, del tipo la chiusura dello spazio aereo e zone di sicurezza.

Preoccupa il fatto che non cerchino di contrastare queste aspirazioni di Ankara nell'Unione Europea, dove non possono non capire che tutto questo è solo un tentativo per coprire la possibile aggressione turca in Siria, per di più cercano in qualche modo di assecondarla. Tutto questo può finire male.

Ribadisco ancora una volta che questo è un tentativo inaccettabile di screditare le decisioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, di rompere l'attuazione di tali decisioni e quindi di implementare uno scenario che non è sostenuto dalla comunità internazionale e che è assolutamente disastroso per la regione", — ha detto Lavrov in una conferenza stampa.

Correlati:

Siria, Lavrov: Non ci sono prove conclusive che Damasco abbia usato armi chimiche
Lavrov: dinnanzi al terrorismo Russia spera che Europa rinunci a giochi geopolitici
Russia, Lavrov accusa la Turchia: viola la sovranità di Siria ed Iraq
“Erdogan ha litigato con tutti, non distingue i nemici dagli amici”
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, negoziati intrasiriani, Negoziati di Ginevra, Pentagono, Unione Europea, Sergej Lavrov, Medio Oriente, USA, UE, Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook