14:47 26 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 12°C
    Arseniy Yatsenyuk

    Sì del Parlamento ucraino alle dimissioni di Yatsenyuk: nuovo premier Groisman

    © Sputnik. Evgeny Kotenko
    Politica
    URL abbreviato
    237270

    Hanno votato le dimissioni del premier Yatsenyuk 257 deputati del Parlamento ucraino a fronte del minimo richiesto di 226 voti. Le dimissioni del primo ministro comportano le dimissioni di tutto il governo.

    Il Parlamento ucraino ha votato a favore delle dimissioni del primo ministro Arseniy Yatsenyuk ed ha nominato a capo del governo il presidente dell'assemblea legislativa Vladimir Groisman: hanno votato questa soluzione 257 deputati a fronte del minimo richiesto di 226 voti.

    La candidatura di Groisman è stata avanzata dal presidente Petr Poroshenko su proposta della nuova coalizione di maggioranza.

    Prima della votazione Yatsenyuk si era rivolto ai parlamentari chiedendo di votare favorevolmente alle sue dimissioni: a questa affermazione i deputati hanno risposto con applausi e gridando "bravo".

    Domenica scorsa il primo ministro Arseniy Yatsenyuk aveva annunciato le proprie dimissioni. Allo stesso tempo, secondo l'ex premier, il suo partito "Fronte Popolare" sarebbe rimasto nella coalizione. Ritiene che la sua uscita di scena dal governo sia frutto di una crisi politica creata artificialmente.

    Yatsenyuk ha definito positivi i due governi da lui guidati.

    L'ex premier non ha rivelato i suoi piani per il futuro, dicendo solo di vedere i suoi compiti più ampi rispetto all'incarico di capo del governo.

    Le dimissioni del primo ministro comportano la caduta di tutto il governo. Il premier e i ministri resteranno in carica fino alla nomina del nuovo governo.

    Correlati:

    Ucraina, si dimette il premier Yatsenyuk
    Dietro dimissioni di Yatsenyuk “tentativo di nascondere ruberie Occidente in Ucraina”
    In Ucraina c'è l'accordo per il nuovo governo
    Tags:
    politica interna, Parlamento, governo, Vladimir Groisman, Arseniy Yatsenyuk
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik