08:13 21 Giugno 2018
Nicolas Maduro, presidente del Venezuela

Petrolio, presidente Venezuela Maduro accusa gli USA di pressioni su Russia e OPEC

© REUTERS / Miraflores Palace/Handout via Reuters
Politica
URL abbreviato
591

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno messo pressione sui membri dell'OPEC e gli altri produttori di petrolio, compresa la Russia, in merito al possibile accordo sul congelamento del livello di produzione petrolifera.

Il discorso riguarda la prossima riunione del 17 aprile in Qatar tra i Paesi produttori di petrolio. In precedenza il ministro del Petrolio del Venezuela Eulogio del Pino aveva riferito che 18 Paesi avevano confermato la loro partecipazione alla riunione dell'OPEC a Doha per un possibile congelamento della produzione di petrolio, segnala la "Reuters".

"Non siete consapevoli della pressione che viene da Washington per far fallire i nostri sforzi che stiamo intraprendendo da più di un anno sull'OPEC e gli altri produttori per avere una strategia comune per stabilizzare il mercato e i prezzi: è un certo tipo di ossessione di Washington sulla rivoluzione bolivariana, sulla Russia e sull'OPEC," — ha detto Maduro in onda nel suo programma settimanale alla televisione di stato del Paese.

Secondo lui, si tratta di una pressione da parte degli Stati Uniti, paragonabile a quella militare, sui capi di governo e gli altri presidenti su questo tema.

Correlati:

Petrolio, Arabia Saudita fa i propri interessi ignorando OPEC
“Il vertice dell'OPEC influenza l'economia della Russia più di Moody's”
La Russia e i paesi OPEC congelano il livello di estrazione del petrolio
Russia disposta a coordinazione con OPEC su produzione di petrolio
Tags:
Borsa&Mercati, Geopolitica, Energia, Crollo prezzo del petrolio, estrazione petrolio, Petrolio, OPEC, Nicolas Maduro, Venezuela, Qatar, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik