20:14 14 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Fonti europee all'agenzia Ansa: impiegato per una ditta di pulizie con contratto per studenti.

Nelle ore in cui Bruxelles cerca di tornare lentamente alla normalità, fonti europee hanno riferito all'agenzia di stampa italiana Ansa che uno dei kamikaze in azione all'aeroporto di Zaventem lo scorso 22 marzo, avrebbe lavorato per alcuni mesi presso il parlamento europeo. Era il 2009 quando uno degli uomini in azione nello scalo belga, di cui le fonti di Bruxelles non hanno specificato l'identità, veniva assunto con due contratti da un mese da una ditta di pulizie che aveva vinto un appalto per gli edifici del Parlamento europeo. Non si sa quindi chi tra Ibrahim Bakraoui e Naijim Laachraoui, sia l'uomo indicato dalle fonti europee.

Nel frattempo su fronte delle indagini, attesa per la diffusione dell'identikit di uno dei fuggitivi del commando del 22 marzo, mentre avverrà nel massimo riserbo il trasferimento di Salah Abdeslam in Francia, dove verrà estradato con ogni probabilità nei prossimi giorni. 

Correlati:

Bruxelles: “All'aeroporto Zaventem spie del Daesh”
Bruxelles, Olanda contro Belgio: Vi avvertimmo sui fratelli kamikaze
Bruxelles, scarcerato sospetto. Ancora senza nome complice Zaventem
I contatti italiani degli attentatori di Bruxelles
Tags:
kamikaze, Attentati terroristici a Bruxelles, Europarlamento
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook