Widgets Magazine
07:48 22 Settembre 2019
John Kerry, Joseph Biden e Barack Obama durante forum su sicurezza nucleare di Washington

Obama detta le condizioni per prestito da 1 miliardo $ all'Ucraina

© AP Photo / Jacquelyn Martin
Politica
URL abbreviato
8130
Seguici su

Durante il vertice sulla sicurezza nucleare a Washington, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il capo di Stato ucraino Petr Poroshenko hanno discusso lo stanziamento della terza tranche di un prestito, segnala l'ufficio stampa di Poroshenko.

"Obama ha confermato di essere disponibile a fornire la terza tranche di un prestito di garanzia per un importo di 1 miliardo di dollari al termine della formazione di un nuovo governo in Ucraina", — si legge nel comunicato, segnala RIA Novosti. Le due parti hanno inoltre discusso della situazione nel Donbass.

Prima dell'incontro con Obama, Poroshenko era stato ricevuto dal vice presidente Joseph Biden, che aveva definito imprescindibile la formazione di un governo forte come condizione principale per concedere il prestito.

Ha commentato la promessa di Obama sul prestito di garanzia la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Ha affermato che la situazione nel Donbass si sarebbe normalizzata solo se l'amministrazione americana avrebbe legato lo stanziamento della nuova tranche col rispetto degli accordi di Minsk al posto della formazione del nuovo governo.

Correlati:

Ucraina e CIA hanno tentato di infiltrare una spia nell’Intelligence russa
Ucraina, Cremlino: rottura relazioni con Mosca “al limite della follia”
Ucraina, Naftogaz annuncia: Goldman Sachs ci aiuterà a raccogliere fondi per il gas
“USA vogliono l'Ucraina come un'appendice agricola sottosviluppata dell'Occidente”
Poroshenko assicura che l'Ucraina continuerà il corso delle riforme
Ucraina, “Poroshenko e Yatsenyuk devono ammettere di aver mentito sulla UE”
Tags:
Accordi di Minsk, Finanze, Politica Internazionale, Economia, governo, Maria Zakharova, Joe Biden, Barack Obama, Donbass, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik