01:24 24 Settembre 2018
Segretario del Tesoro USA Jacob Lew

Dipartimento del Tesoro USA spiega l'obiettivo delle sanzioni contro la Russia

© AP Photo / Pablo Martinez Monsivais
Politica
URL abbreviato
35149

Le sanzioni contro la Russia sono mirate contro i "centri di potere che prendono decisioni", ha dichiarato il segretario al Tesoro americano Jacob Lew. È stato riferito dalla “Reuters”.

Il segretario americano ha sottolineato che le sanzioni economiche sono una potente arma politica che non può essere trattata con leggerezza.

"Non dobbiamo rinunciare alle sanzioni per il fatto che rallentano la crescita economica", — ha osservato.

Lew ha aggiunto che gli Stati Uniti dovrebbero togliere le sanzioni contro quei Paesi che hanno cambiato la loro politica. Portando un esempio, ha fatto riferimento alla revoca delle sanzioni contro l'Iran dopo che Teheran ha limitato la portata del suo programma nucleare.

Per la crisi ucraina gli Stati Uniti, l'Unione Europea ed alcuni altri Paesi occidentali hanno imposto sanzioni contro politici e uomini d'affari russi, così come contro diverse società della difesa e energetiche e banche con partecipazione statale.

Il Dipartimento di Stato USA, come prerequisito per cancellare le sanzioni, chiede l'attuazione degli accordi di Minsk. A sua volta Mosca ha più volte dichiarato di non essere una parte del conflitto nel Donbass.

Correlati:

Kerry delinea le condizioni per la cancellazione delle sanzioni contro la Russia
Medvedev: Russia pronta ad espandere cooperazione con UE se cancellate le sanzioni
Il Cremlino commenta l'appello della UE all'ONU per le sanzioni contro la Russia
UE esorta i Paesi dell'ONU ad introdurre sanzioni contro la Russia per la Crimea
Senatore USA sicuro, ritiro dalla Siria può indebolire le sanzioni UE vs la Russia
UE, USA, Russia: partita a scacchi sulle sanzioni
Tags:
Economia, sanzioni antirusse, Diplomazia Internazionale, Geopolitica, Politica Internazionale, Dipartimento del Tesoro, Jacob Lew, Donbass, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik