17:49 20 Ottobre 2018
Rublo russo

Dalla Duma proposta per aiutare le famiglie: Stato paga parte mutuo dopo nascita figlio

© Sputnik . Iliya Pitalev
Politica
URL abbreviato
7281

Il programma "Sgravi per l'alloggio dei bambini" prevede che in caso di nascita di un figlio parte della rata del mutuo sarà pagata dallo Stato.

La commissione della Duma sulla politica sociale ha proposto per le giovani coppie di togliere parte del mutuo in caso di nascita di un bambino, riporta "Rossiyskaya Gazeta" riferendosi alla presidente della commissione Olga Batalina.

Il programma "Sgravi per l'alloggio dei bambini" prevede che in caso di nascita di un figlio parte della rata del mutuo sarà pagata dallo Stato. In caso di successive nascite i giovani genitori si vedranno ridurre significativamente il peso del mutuo, che verrà scaricato sullo Stato.

"I nostri esperti propongono di introdurre questo tipo di schema", — ha detto la Batalina.

Secondo il politico, si prende anche in considerazione il progetto di aiutare le giovani famiglie a risolvere il problema dell'alloggio tramite la creazione di cooperative immobiliari.

Come sostenuto dal membro della Camera Pubblica Elena Topoleva-Soldunova, il programma "sgravi per l'alloggio dei bambini" sarà un aiuto significativo per i russi.

"In parte sta già contribuendo a risolvere questo problema il sussidio di maternità: questo contributo può essere utilizzato per migliorare le condizioni abitative, ma non sempre questi fondi sono sufficienti. Soprattutto se si considera che le giovani famiglie non godono di condizioni finanziarie particolarmente solide e i mutui non sono spesso alla loro portata," — ritiene Elena Topoleva-Soldunova.

Correlati:

Gender e ddl Cirinnà: come distruggere la famiglia naturale
Ddl Cirinnà, come stravolgere la famiglia e la società
Stop famiglia tradizionale: arriva la nuova gen(d)erazione
Tags:
Immobiliare, politica interna, Famiglia, Società, Legge, Banche, Duma, governo, Elena Topoleva-Soldunova, Olga Batalina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik