19:48 14 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
1170
Seguici su

Il premier Beate Szydlo ad una tv polacca annuncia la chiusura di Varsavia al piano di ricollocamento da 7mila persone siglato con la Ue.

Dopo le condizioni poste da Varsavia, che nelle ultime settimane era tornata a mettere in discussione il piano Ue di ricollocamenti per bocca del ministro degli Esteri Witold Waszcykoski, il premier polacco Beata Szydlo ha annunciato ieri che la Polonia non intende dare corso agli accordi stretti in sede europea che prevederebbero l'arrivo nel Paese di circa 7mila rifugiati.

"Dopo quanto accaduto ieri a Bruxelles non vedo alcuna possibilità di accogliere alcun gruppo di migranti".

Così il primo ministro polacco alla tv Superstacja, dando seguito alla decisione dei parlamentari del suo partito, Diritto e Giustizia, e della destra  che si erano detti contrari all'accoglienza dei profughi proprio a causa degli attacchi di Bruxelles. Successivamente il portavoce ha specificato che la decisione è stata presa per la sicurezza della Polonia.

"Sappiamo che il precedente governo aveva sottoscritto impegni in tal senso — ha dichiarato Rafal Bochenek — ma non possiamo permettere che situazioni a rischio come quelle che hanno colpito l'Europa occidentale si verifichino anche nel nostro Paese". 

Correlati:

Bruxelles, Erdogan: Belgio ha ignorato nostri avvertimenti
Belgio, Kerry in visita a Bruxelles venerdì prossimo
Belgio, per errore si è evitata una strage peggiore a Bruxelles
Bruxelles, tra le vittime in metro c'è un'italiana
Tags:
Attentati terroristici a Bruxelles, Beata Szydlo, Polonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook