04:03 11 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
100
Seguici su

Nel secondo super martedì elettorale i due principali candidati alla Casa Bianca fanno il piano aggiudicandosi entrambi quattro Stati su cinque. Dopo la bruciante sconfitta in Florida, Marco Rubio si ritira.

Fuori uno. Troppo bruciante la sconfitta nella "sua" Florida per continuare la corsa alla nomination repubblicana. Marco Rubio ha deciso ieri di sospendere la propria campagna, lasciando così i soli John Kasich e Ted Cruz a sfidare Donald Trump per la nomination del Grand Old Party alla Casa Bianca.

E' questa la novità principale uscita dal secondo super martedì di votazioni primarie negli Stati Uniti, dove i sostenitori dem e repubblicani erano chiamati a votare in Ohio, Florida, Illinois, Carolina del Nord e Missouri. Trump e Hillary Clinton vincono in 4 Stati su 5, lasciando ai rivali rispettivamente l'Ohio in casa GOP, dove c'è stata l'affermazione del governatore John Kasich, e il Missouri, dove tra i democratici si è assistito alla vittoria di Bernie Sanders.

Nonostante le continue vittorie tuttavia, il miliardario newyorchese non può ancora dirsi tranquillo della nomination. Diverse proiezioni dei sondaggisti Usa infatti danno in bilico il raggiungimento della soglia di delegati necessari a Trump per aggiudicarsi la possibilità di correre a novembre per la Casa Bianca, rimandando tutto alla convention repubblicana, prevista per il 18 luglio a Cleveland, proprio in quell'Ohio di Johan Kasich, divenuto ieri il candidato di riferimento del cosiddetto establishment GOP. 

Correlati:

Usa 2016, Hillary Clinton: Leader mondiali vogliono che Trump perda
Rubio contro Trump: Dialogo con mondo islamico
Tags:
Elezioni primarie, Elezioni negli USA, Donald Trump, Hillary Clinton, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook