10:17 21 Settembre 2018
Bandiera della Turchia

Per il Guardian “Erdogan umilia la UE e resta impunito”

CC BY-SA 2.0 / KLMircea / Bosphorus Bridge and Turkish Flag
Politica
URL abbreviato
13263

La UE è pronta a chiudere gli occhi di fronte alle violazioni della libertà di stampa e dei diritti umani in Turchia fino a quando il presidente turco servirà a Bruxelles per risolvere i problemi d'immigrazione, scrive Roy Greenslade.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ancora una volta umilia l'Unione Europea restando impunito, scrive l'editorialista del "Guardian" e professore di giornalismo all'Università di Londra Roy Greenslade.

Greenslade definisce Erdogan il "nemico della stampa libera" in relazione ai recenti eventi in Turchia: sabato sera la polizia ha duramente represso una manifestazione spontanea presso la redazione del giornale d'opposizione "Zaman" ad Istanbul.

Alla luce di questi fatti il presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz aveva detto che il commissariamento del giornale "Zaman" da parte del governo sarebbe stato discusso al vertice tra UE e Turchia a Bruxelles.

Greenslade tuttavia afferma sicuro che "non esiste alcuna possibilità" che la UE "possa punire" Erdogan per le violazioni della libertà di stampa e dei diritti umani.

"Il presidente turco la farà franca in merito alla pressione sulla stampa, perché la UE ha bisogno di lui per affrontare la crisi migratoria", — spiega l'editorialista.

Ha ricordato le recenti parole del segretario generale di "Reporter senza frontiere" Christoph Deluar, che ha esortato i Paesi europei ad usare "tutte le loro leva" per far capire ad Erdogan che se Ankara calpesta i valori europei, non può essere discussa nessuna ipotesi di adesione della Turchia nell'Unione Europea.

Tuttavia Deluar non si aspetta una presa di posizione netta della UE, in quanto l'Europa fino a questo momento ha mostrato "la sua riprovevole debolezza."

"Non possiamo far finta che tutto vada bene, dopo che Erdogan ha preso il controllo del principale quotidiano dell'opposizione in questo modo così brutale. La UE è determinata a farsi umiliare da lui?" — si chiede Deluar.

Secondo Greenslade, la risposta a questa domanda è "sì", dato che l'Europa ha bisogno di lui come alleato.

Correlati:

Davutoglu: Pronti ad essere un membro dell'Ue
“Il vertice UE-Turchia celebra la morte dei valori dell'Europa”
Turchia, torna in edicola il quotidiano Zaman
Ad Istanbul la polizia reprime manifestazioni di donne con proiettili di gomma
Erdogan continua a reprimere i curdi
Tags:
Opposizione, Giornalismo, Censura, Politica Internazionale, Immigrazione, migranti, profughi, diritti, Crisi dei migranti, mass media, Unione Europea, Martin Schulz, Recep Erdogan, Europa, UE, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik