06:13 21 Giugno 2018
Erdogan (foto d'archivio)

“Il vertice UE-Turchia celebra la morte dei valori dell'Europa”

© AP Photo / Yasin Bulbul, Presidential Press Service, Pool
Politica
URL abbreviato
10281

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non è il partner più affidabile per la UE, dal momento che cura esclusivamente i propri interessi, ritiene la deputata del Bundestag di origine turca Sevim Dağdelen.

Il vertice straordinario della UE con la partecipazione della Turchia potrebbe diventare il "giorno della morte di tutta l'Europa", ha affermato la deputato del Bundestag della sinistra radicale (Die Linke) e membro della commissione Esteri Sevim Dağdelen in un'intervista nella radio "Deutschlandfunk".

"Lunedì 7 marzo potrebbe passare alla storia come il giorno della morte dell'Unione Europea", — ha affermato testualmente.

La deputata di origine turca ritiene che il vertice seppellirà tutti i valori europei e servirà solo gli interessi personali del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

"Tutto ciò che si chiama Costituzione, diritti umani ed umanità verrà sepolto e verrà portato ad Erdogan su un piatto d'argento tutto quello che gli interessa", — ritiene la deputata del Bundestag.

Tutte queste aperture non fanno altro che aumentare le richieste del presidente turco, in particolare l'accelerazione per l'abolizione del regime dei visti tra la Turchia e l'Unione Europea.

La Dağdelen ha inoltre osservato che Erdogan non è il partner più affidabile per l'Europa, dal momento che il suo interesse è focalizzato nella repressione dei curdi, piuttosto che aiutare i profughi.

Maggiore è la politica repressiva del presidente turco, più l'Europa si sottomette ai suoi voleri, ha aggiunto la deputata.

Il vertice tra la UE e la Turchia inizierà oggi i suoi lavori a Bruxelles. I partecipanti cercheranno di trovare una soluzione per arginare la crisi migratoria.

La parte turca si aspetta di ricevere da Bruxelles l'assistenza finanziaria promessa di 3 miliardi di euro, che dovrebbero garantire adeguate condizioni per l'accoglienza e la permanenza dei profughi in Turchia.

Correlati:

Turchia, casi di violenza e tortura contro i profughi al confine con la Siria
“Ankara sfrutta gli uomini dei campi profughi in Turchia per gli attacchi in Siria”
La Turchia è nei debiti fino al collo
Erdogan ha costruito il "monopolio della menzogna"
Per Spiegel Erdogan ha iniziato a minacciare l'Europa: “più soldi o invasione di profughi”
Merkel: Europa e Turchia devono rispondere insieme della crisi dei migranti
Tags:
migranti, profughi, Diritti Umani, Immigrazione, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Crisi dei migranti, Bundestag, Unione Europea, Sevim Dağdelen, Recep Erdogan, Germania, Turchia, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik