11:58 20 Gennaio 2018
Roma+ 10°C
Mosca-9°C
    Pedro Sanchez

    Spagna, Sanchez chiede la fiducia alla Camera

    © REUTERS/ Sergio Perez
    Politica
    URL abbreviato
    111

    Dopo il discorso di ieri, il leader socialista incaricato dal re Felipe chiede una difficile fiducia al parlamento spagnolo. Podemos e Popolari: voteremo contro.

    C'è attesa in Spagna per il voto di fiducia con cui oggi Pedro Sanchez, leader socialista e premier incaricato di formare un governo da re Felipe VI, proverà a sbloccare l'impasse politica in cui si trova il Paese dallo scorso 20 dicembre, giorno in cui le urne elettorali hanno segnato la fine del bipartitismo spagnolo.

    Nel corso dell'intervento tenuto ieri alla Camera di Madrid, Sanchez ha esortato i deputati di Podemos, formazione nata dalle ceneri del movimento degli Indignados, e giunta terza nella competizione elettorale di fine anno, a non lasciare il Paese nelle mani dei popolari del premier uscente Mariano Rajoy. Novanta minuti di discorso per dire che l'alleanza con Ciudadanos, l'altro "partito non partito" emerso dalle recenti elezioni, è dovuta principalmente al no opposto dagli uomini di Pablo Iglesias.

    "Mi sarebbe piaciuto un governo di sinistra, ma i numeri non c'erano. Tra noi e Ciudadanos ci sono molte differenze, ma valorizziamo le cose che ci uniscono. Votare contro vuol dire mantenere Rajoy al potere".

    Così il leader socialista spagnolo alla Camera, attesa oggi dal primo voto di fiducia. Il tetto da superare per la fragile alleanza Socialisti-Ciudadanos, è fissato a quota 176: difficile immaginare una fumata bianca, disponendo le due formazioni politiche al massimo di 130 seggi. In caso di bocciatura, l'attesa sarà a quel punto per venerdì 4 marzo, giorno in cui si procederà alla seconda votazione con quorum abbassato a maggioranza semplice.

    Se neanche in quella occasione Sanchez non riuscisse ad incassare la fiducia, si riaprirebbero le consultazioni per altri 60 giorni, prima delle elezioni anticipate che a quel punto scatterebbero automaticamente dopo lo scioglimento delle Camere da parte di Felipe VI. 

    Correlati:

    Spagna, Sanchez verso governo con Ciudadanos
    Siria, Spagna: Intervento russo anti-Isis è in linea con le risoluzioni Onu
    Tags:
    Ciudadanos, Felipe VI, Pedro Sanchez, Mariano Rajoy, Spagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik