14:09 21 Agosto 2017
Roma+ 29°C
Mosca+ 28°C
    Combattenti del Daesh

    “The National Interest”: la politica USA in Medio Oriente ha fatto fiasco

    © AP Photo/ Militant website via AP, File
    Politica
    URL abbreviato
    71266122

    Gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente sono stati determinati in modo sbagliato. Questi errori hanno portato al fallimento delle campagne militari in Iraq e alla proliferazione dei terroristi del Daesh in Siria, scrive la rivista americana.

    Le azioni degli Stati Uniti in Medio Oriente sono diventate forse il più grande errore geopolitico di Washington dalla guerra in Vietnam. Le operazioni militari iniziate dagli Stati Uniti in Iraq hanno portato a conseguenze disastrose, nella forma della crescita del terrorismo internazionale, che alimenta i gruppi ribelli in Siria. Tutto questo suggerisce che la politica degli Stati Uniti in Medio Oriente ha fatto fiasco, scrive la rivista "The National Interest".

    "Venticinque anni fa, il 24 febbraio 1991, ci fu la prima invasione di terra americana dell'Iraq. Il presidente George Bush godeva del mandato delle Nazioni Unite e del Congresso degli Stati Uniti per la liberazione del Kuwait," — scrive la rivista, aggiungendo che l'esercito americano non era allora pronto a fronteggiare l'opposizione della popolazione locale.

    L'autore ritiene che al momento "la decisione di lasciare Saddam Hussein al potere fu giusta."

    Col tempo la situazione è fortemente peggiorata dopo l'11 settembre 2001, dopodichè è iniziata l'operazione militare in Iraq.

    Secondo l'autore dell'articolo, la campagna militare irachena è diventata il più grande errore della politica estera americana dai tempi della guerra in Vietnam.

    "L'occupazione militare americana era estremamente impopolare fra gli iracheni, il Parlamento non si è mai prestato a fornire le immunità legali necessarie per garantire una grande presenza nel lungo termine delle truppe americane," — si afferma nell'articolo.

    Tutto questo ha portato alla frammentazione parziale dell'Iraq, così come alla proliferazione dei terroristi del Daesh, i cui militanti hanno sfruttato la rivoluzione armata in Siria.

    Correlati:

    "La Turchia non è più in grado di invadere la Siria, ma continuerà a sostenere islamisti"
    “USA criticano le azioni della Russia in Siria per compiacere la Turchia”
    USA dovrebbero riconoscere meriti di Putin in Siria e seguire il Cremlino in Medio Oriente
    Tony Blair si "scusa" per deposizione Saddam e lega ISIS all'invasione USA-UK in Iraq
    Tags:
    Difesa, Terrorismo, Politica Internazionale, Sicurezza, Geopolitica, Daesh, Saddam Hussein, Medio Oriente, Iraq, USA, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik