04:57 16 Luglio 2018
Maria Zakharova

La diplomazia di Mosca sperava di convincere Ankara a non interagire col Daesh

© Sputnik . Cyril Kallinikov
Politica
URL abbreviato
12312

In precedenza Mosca non aveva reso pubblici i legami della Turchia con i terroristi di ISIS (Daesh), perché contava e sperava di convincere Ankara ad abbandonare questo corso, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"Forse occorreva parlarne continuamente. D'altra parte partivamo dal presupposto che il nostro obiettivo principale non era accusarci a vicenda, ma il lavoro. Pertanto abbiamo lavorato nel formato di Vienna, abbiamo lavorato con i nostri partner nel formato bilaterale tentando di convincerli che non serviva fare qualcosa di sbagliato. Ancora una volta dico: forse occorreva parlarne pubblicamente, ma partivamo dal presupposto che non bisognava creare tensioni supplementari e che dovevamo risolvere questo problema", — la Zakharova ha dichiarato al canale televisivo "Russia Today" rispondendo alla corrispondente domanda.

La Russia ha già pubblicamente rivelato e discusso i legami della Turchia con i gruppi terroristici ed estremisti in Siria. In particolare Mosca accusa la Turchia di commerciare il petrolio contrabbandato dai terroristi e di facilitare il trasferimento di mercenari e armi attraverso il confine turco-siriano. Ankara respinge tali accuse.

Correlati:

La Turchia ha attaccato con l’artiglieria le forze di Damasco al confine
“La resistenza di Assad e l'avanzata dei curdi hanno messo in trappola la Turchia”
“La politica di Ankara ha portato la Turchia ad un vicolo cieco mortale”
The Independent: Erdogan è imprevedibile e può invadere la Siria
Il figlio di Erdogan viene chiamato il “ministro del Petrolio del Daesh”
Il petrolio e l'amicizia con ISIS: segreti e conflitti d'interesse della famiglia Erdogan
Petrolio di ISIS in economia della Turchia: affari milionari di Erdogan jr su sangue curdi
Tags:
ISIS, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Terrorismo, Il Ministero degli Esteri della Russia, Maria Zakharova, Siria, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik