17:20 19 Settembre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 13°C
    Bandiera della Turchia

    “La politica di Ankara ha portato la Turchia ad un vicolo cieco mortale”

    © flickr.com/ KLMircea
    Politica
    URL abbreviato
    53246332

    La Turchia ha bisogno di ricostruire le relazioni con la Russia e risolvere il problema dei profughi per porre rimedio alla situazione, ritiene l'ex ambasciatore di Ankara in Iraq e nel Regno Unito Unal Cevikoz.

    La politica interna ed estera della Turchia ha portato il Paese in una situazione difficile da cui è difficile uscire, ritiene l'ex ambasciatore di Ankara in Iraq e nel Regno Unito Unal Cevikoz.

    "La politica adottata dalla Turchia in Siria ha messo il Paese in una situazione difficile, le probabilità di un esito favorevole sono vicine allo zero", — ha detto Cevikoz in un'intervista con "Sputnik".

    Per risolvere questo problema, la Turchia deve ricostruire le sue relazioni con la Russia e risolvere il problema dei profughi, creando ulteriori centri di accoglienza nei pressi del confine siriano.

    "La Turchia è davvero in una situazione di stallo letale, per questo che cerca disperatamente di ripristinare le vecchie alleanze ed ottenere il sostegno politico della NATO e degli Stati Uniti. Tuttavia, né la NATO né gli Stati Uniti hanno intenzione di entrare in conflitto con la Russia," — ha dichiarato il diplomatico.

    Correlati:

    Erdogan continua a reprimere i curdi
    Per intelligence Berlino “vittoria di Assad in Siria è ormai inevitabile, Russia decisiva”
    L’artiglieria turca ha aperto il fuoco contro una base aerea a nord di Aleppo
    Erdogan nel conflitto siriano ha fatto un buco nell’acqua
    Della politica di Erdogan restano le rovine
    L'operazione di Putin in Siria è il peggior incubo di Erdogan
    Tags:
    Curdi, migranti, profughi, Politica Internazionale, Geopolitica, Crisi dei migranti, NATO, Recep Erdogan, USA, Siria, Russia, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik