02:22 26 Settembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 11°C
    Ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov (foto d'archivio)

    Ucraina, ricatto da ministro: informazioni che tolgono sostegno FMI e Occidente a Kiev

    © Sputnik. Maksim Blinov
    Politica
    URL abbreviato
    132089301

    Il ministro degli Interni ucraino ha informazioni che costringerebbero il direttore del FMI ad “allargare tristemente le braccia” e a togliere il supporto all'Ucraina dei partner stranieri.

    Il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov ha lasciato intendere di avere informazioni che potrebbero provocare uno scandalo di una portata ancor più grande rispetto alle dimissioni del ministro dello Sviluppo Economico e del Commercio Aivaras Abromavičius, tuttavia non ritiene necessario divulgarle al pubblico in modo da non danneggiare il Paese.

    "Avete dei dubbi che possa andare dai giornalisti con informazioni bomba il cui effetto sarebbe molte volte più altisonante rispetto al caso di Abromavičius? Ma non voglio fare mosse, le cui conseguenze indurranno il direttore del FMI ad allargare tristemente le braccia e privare al Paese il supporto dei partner stranieri. Con alcune cose bisogna fare i conti non pubblicamente," — Avakov ha detto in un'intervista con il portale ucraino "ZN.UA".

    In Ucraina è scoppiata la crisi di governo dopo le dichiarazioni di Abromavičius, che si sarebbe dimesso per le pressioni dell'amministrazione di Poroshenko e del vice capogruppo del partito del presidente Igor Kononenko. Il ministro ha denunciato il blocco di qualsiasi tentativo di riforma importante per il Paese.

    In seguito a queste dichiarazioni, il governo ucraino ha dovuto fornire delle spiegazioni agli ambasciatori dei Paesi del G7. Il FMI ha espresso preoccupazione per le dichiarazioni Abromavičius, non escludendo di poter sospendere la cooperazione con Kiev se le riforme politico-economiche non verranno implementate.

    Correlati:

    “La strategia USA ha portato l'Ucraina al fallimento politico”
    Per Medvedev “errore del FMI i prestiti all'Ucraina”
    “I trucchi del FMI non salveranno l'Ucraina dal disastro”
    Ucraina nella UE, a Kiev fanno gola i soldi dei contribuenti europei
    Caviale, musica, donne, lusso: a Kiev la crisi non colpisce i politici post-Maidan filo-UE
    Tags:
    politica interna, corruzione, Finanze, Occidente, Scandalo, Fondo Monetario Internazionale, governo, FMI, Arsen Avakov, Aivaras Abromavičius, Petr Poroshenko
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik