Widgets Magazine
14:01 22 Luglio 2019
Bandiera UE

Gli Stati fondatori dell'UE riuniti a Roma

CC BY-SA 2.0 / theilr
Politica
URL abbreviato
204

Il ministro degli Esteri italiano ospita oggi a Villa Madama i suoi omologhi di Belgio, Francia, Germania, Olanda, Lussemburgo: avviare una riflessione comune.

I sei ministri degli Esteri degli Stati fondatori dell'UE sono riuniti oggi a Roma per un incontro voluto dal capo della diplomazia italiana, Paolo Gentiloni, per parlare del futuro dell'Unione Europea e delle prospettive per un rilancio del progetto di integrazione comunitaria, in vista del sessantesimo anniversario del Trattato di Roma. Oltre all'Italia padrona di casa, sono presenti all'incontro di oggi i rappresentanti di Belgio, Francia, Germania, Lussembrurgo e Olanda.

"Si affronteranno inoltre i principali temi di attualità — si legge sul sito della Farnesina — tra cui il tema dell'immigrazione con particolare riferimento alle aree di crisi con l'obiettivo di individuare una efficace e coesa risposta europea".

L'incontro di oggi è però anche l'occasione per cominciare a discutere della riforma dei Trattati che, alla vigilia del sessantesimo compleanno, cominciano a mostrare i segni dell'età. I sei Stati fondatori si impegneranno così a "disegnare le future direzioni" dell'Unione. Così è scritto nell'invito partito da Roma:

"Ci imbarchiamo in un nuovo viaggio per offrire una visione credibile dell'Unione Europea".

Correlati:

Gentiloni, "giusto discutere di livelli di integrazione diversa"
Ucraina nella UE, a Kiev fanno gola i soldi dei contribuenti europei
Francia e Germania chiedono ministro delle Finanze UE
Renzi all'Ue: facciamo le primarie per il Presidente della Commissione
Tags:
Unione Europea, Riunione, Roma
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik