15:42 25 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
27302
Seguici su

Riyadh in precedenza aveva espresso la propria disponibilità ad inviare le sue forze armate in Siria per prender parte ad una operazione di terra. Secondo alcuni media, l'Arabia Saudita potrebbe dispiegare i suoi militari in coordinamento con la Turchia.

L'intervento militare in Siria esacerberà in modo significativo il conflitto nel Paese, ha affermato il rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite Vitaly Churkin.

"L'intervento straniero aggraverà sicuramente il conflitto", — ha detto Churkin ai giornalisti, commentando le possibili operazioni dell'Arabia Saudita e della Turchia in Siria.

Giovedì l'Arabia Saudita aveva espresso la propria disponibilità ad inviare le sue truppe in Siria per prendere parte ad una operazione di terra, a condizione che ottenga il placet del comando della coalizione internazionale guidata dagli USA. Lo aveva affermato il consigliere del ministro della Difesa saudita Ahmad Asseri. In precedenza il britannico "Guardian", citando fonti a Riyadh, aveva scritto che l'Arabia Saudita avrebbe potuto inviare in Siria per combattere i terroristi del Daesh (ISIS) diverse migliaia di soldati e l'operazione si sarebbe potuta svolgere in coordinamento con la Turchia.

Churkin ha auspicato che queste informazioni restino solo delle ipotesi dei media.

Correlati:

Zakharova commenta le aspirazioni dell’Arabia Saudita di combattere in Siria
Arabia Saudita, quattro morti in moschea sciita
New York Times: “Arabia Saudita finanzia un'operazione segreta della CIA in Siria”
I negoziati sulla Siria non sono saltati definitivamente, ma già si cercano i colpevoli
Tags:
Guerra, Sicurezza, Difesa, Politica Internazionale, Geopolitica, Terrorismo, Esercito, Coalizione USA anti ISIS, Vitaly Churkin, Siria, Russia, Turchia, Arabia Saudita
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook