20:20 25 Febbraio 2018
Roma0°C
Mosca-15°C
    Sergey Naryshkin (foto d'archivio)

    "La Russia è un difensore chiave del diritto internazionale"

    © Sputnik. Evgeny Biyatov
    Politica
    URL abbreviato
    4191

    La Russia ha giocato un ruolo cruciale nella formazione e approvazione del moderno sistema di diritto internazionale ed ha pagato un prezzo alto per questo, ha dichiarato il presidente della Duma Sergey Naryshkin.

    La Russia è ora un difensore chiave del diritto internazionale e dei suoi principi, ha affermato oggi il presidente della Duma Sergey Naryshkin.

    "La difesa del diritto internazionale è naturalmente un dovere generale, tuttavia una speciale responsabilità ed oneri particolari gravano sugli esperti internazionali russi," — ha detto nel corso di un incontro con alcuni giovani ricercatori dell'Università O.Kutafina di Mosca della Facoltà di Legge.

    Secondo il politico, in primo luogo "il nostro Paese ha svolto un ruolo cruciale nella formazione e approvazione del moderno sistema di diritto internazionale ed ha pagato un prezzo alto per questo." Naryshkin ha specificato di riferirsi alla vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. In secondo luogo i diplomatici, i politici e gli esperti russi hanno dato un contributo unico e altamente significativo per lo sviluppo e i principi pratici e teorici del diritto internazionale.

    "In terzo luogo, in questi giorni di crisi, il nostro Paese è di fatto un difensore chiave del diritto internazionale e dei suoi fondamenti," — ha osservato Naryshkin.

    Correlati:

    Per Mosca le accuse della Turchia vs Russia non influenzano i negoziati sulla Siria
    Al produttore televisivo polacco licenziato potrebbe essere offerto un lavoro in Russia
    Finlandia e Russia concordano la ripresa della cooperazione in tutti i campi
    I capi delle diplomazie di Russia e Germania hanno parlato di Ucraina e Siria
    Tags:
    Seconda guerra mondiale, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Giustizia, Sergey Naryshkin
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik