12:22 11 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
0 06
Seguici su

Il primo ministro britannico discuterà dei benefici ai migranti comunitari con il presidente della Commissione europea.

Si svolgerà oggi a Bruxelles il colloquio tra il primo ministro britannico David Cameron e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Secondo il quotidiano britannico "The Guardian", i due sarebbero vicini a un accordo su un "freno d'emergenza" che limiti i benefici concessi ai nuovi arrivati. L'obiettivo di Cameron sarebbe quello di abolire il diritto al welfare per gli immigrati comunitari nei primi quattro anni di permanenza nel Regno Unito. Nel mirino di Londra gli assegni familiari e le detrazioni fiscali per i lavoratori a basso reddito.

La posta in gioco è l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea, un'eventualità che potrebbe concretizzarsi se i cittadini britannici dovessero votare a favore della Brexit nel referendum previsto entro la fine del 2017. "Abbiamo fatto progressi", ha dichiarato Cameron. "Ci saranno molte trattative difficili, molte discussioni, ma è incoraggiante che ciò che prima veniva considerato impossibile, ora sembri possibile". "Tuttavia", continua il primo ministro britannico, "non accetterò nulla che non abbia la forza e il peso di cui abbiamo bisogno per risolvere i nostri problemi. Sono pronto a pazientare. Non siamo obbligati a indire un referendum prima della fine del 2017, ma vediamo l'Unione Europea rispondere alle questioni che la Gran Bretagna ha messo sul tavolo, e questo è incoraggiante".

Nell'agenda del leader di Downing Street ci sono anche un incontro con il presidente del Parlamento europeo Martin Shulz e una cena con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Correlati:

Regno Unito, preparativi di Brexit
Brexit, tutti i voti sono uguali, ma quelli inglesi di più
Brexit, da Bruxelles nessun passo avanti
Tags:
migranti comunitari, Brexit, Jean-Claude Juncker, David Cameron, Bruxelles
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook