12:06 18 Agosto 2018
Made in Italy giornali

Le prime pagine italiane del 25 gennaio

© Fotolia / lorenzot81
Politica
URL abbreviato
0 0 0

Il delicato appuntamento di oggi ad Amsterdam, con il vertice dei ministri degli Interni UE che si riuniranno per discutere del futuro di Schengen è al centro dell'attenzione delle principali testate italiane in questo inizio settimana. Spazio poi alla polemica tutta italiana sulle unioni civili e alla visita del presidente Rohani in Italia.

"L'UE vuole un patto tra i servizi segreti per fermare l'ISIS". Apre così La Stampa, con un'indiscrezione su una delle proposte che oggi verranno presentate al vertice di Amsterdam: "il coordinamento degli 007 italiani — si legge nel catenaccio — possibile modello per i Paesi europei".

"I nuovi diritti delle partite IVA": sceglie la politica interna il Corriere della Sera, che titola a proposito del progetto di riforma fiscale dei lavoratori autonomi del governo italiano, che arriverà in Consiglio dei ministri giovedì prossimo. In taglio alto l'Europa, con la proposta italo-tedesca: "le sospensioni di Schengen da concordare".

Stesso argomento per il titolo principale de la Repubblica, che titola "UE, è lite sui confini. Vertice Schengen. Banche, tutto in salita": alla crisi dei migranti il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari associa la crisi degli istituti di credito italiani, in attesa del disco verde per i bail-in proposti dal governo di Roma. Di spalla gli attentatori del 13 novembre in un video del califfato: "Libia, Italia pronta all'attacco. Video shock dei killer di Parigi".

Il Messaggero ospita in prima pagina le anticipazioni di un'intervista nelle pagine interne con il commissario UE Avramopoulos: "E' a rischio l'unità dell'Europa", mentre gli altri quotidiani a tiratura nazionale si occupano a vario titolo di politica interna: è così per il Giornale, che titola "Ecco chi ci ha rovinato", con chiaro riferimento agli ultimi governi Monti Letta e Renzi; per l'Unità invece c'è "il salto del Grillo", con il comico genovese che smette i panni del leader politico per tornare a recitare sul palco. Su presunti conflitti di interesse del premier italiano va il Fatto Quotidiano che, a proposito dei rapporti tra il primo ministro italiano e ambienti della finanza internazionale, titola "Serra, strani sms con Renzi".

Correlati:

Beppe Grillo ed il “piano B” per uscire dall'euro
Non USA, ma Russia ha messo in fuga Daesh in Siria: distorta propaganda Occidente
Tags:
Unioni civili, Trattato di Schengen, Dimitris Avramopoulos, Beppe Grillo, Matteo Renzi, UE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik