02:47 19 Ottobre 2018
Recep Tayyip Erdogan (foto d'archivio)

Berlino pronta a perdonare tutto ad Erdogan purchè non ceda nulla alla Russia

© AFP 2018 / Yuri Cortez
Politica
URL abbreviato
18136

La linea politica perseguita dal presidente della Turchia non consente di considerare Ankara un partner adeguato in Europa, tuttavia il governo tedesco preferisce ancora lasciare mano libera ad Erdogan, scrive “Deutsche Welle”.

Il governo tedesco è perfettamente cosciente che le azioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan esulano di molto da quelle di uno Stato di diritto, ma nelle attuali circostanze la Germania non ha altra scelta che collaborare con lui, scrive "Deutsche Welle".

I deputati dell'opposizione parlamentare tedesca hanno ripetutamente evidenziato la moltitudine di "peccati" di Erdogan, sottolineando che la guerra contro i curdi, l'arresto dei giornalisti dissidente e la fornitura di armi ai terroristi del Daesh (ISIS) sono ragioni sufficienti per rinunciare all'idea di una stretta collaborazione con Ankara, scrive la rivista.

Queste affermazioni non scuotono i membri della coalizione di governo.

"Sì, Erdogan perseguita i curdi e si lava le mani sulla libertà di espressione, in questa aula nessuno lo mette in dubbio", — ha detto Karl-Heinz Brunner, rappresentante della SPD nell'ultima riunione del Bundestag.

Ciononostante la Turchia, così come l'Arabia Saudita, sono considerate da Berlino come una sorta di "ancora di stabilità" nella regione mediorientale. La Germania insiste sul fatto che mantenere le partnership con questi Paesi sia l'unico modo per contrastare il terrorismo, prevenire l'escalation delle tensioni e risolvere il problema dei profughi, scrive "Deutsche Welle".

Ma c'è un altro motivo per la cooperazione della Germania con quei Paesi le cui politiche violano i principali valori europei.

Secondo l'esperto tedesco di politica estera e deputato della Cdu Roderich Kiesewetter, rafforzando i legami con la Turchia e l'Arabia Saudita, la Germania sta cercando di assicurarsi che la situazione in Medio Oriente, regione legata agli interessi dell'Europa, non venga controllata da Stati come la Russia e l'Iran.

Correlati:

La politica della Turchia di Erdogan in Medio Oriente è miseramente fallita
Il figlio di Erdogan viene chiamato il “ministro del Petrolio del Daesh”
Damasco accusa: bombardiere russo abbattuto per difendere interessi del figlio di Erdogan
Il petrolio e l'amicizia con ISIS: segreti e conflitti d'interesse della famiglia Erdogan
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Unione Europea, Recep Erdogan, Medio Oriente, Arabia Saudita, Iran, Germania, Turchia, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik