09:53 21 Gennaio 2018
Roma+ 11°C
Mosca-5°C
    Petrolio

    Riyadh teme di perdere controllo del petrolio con la secessione degli sciiti sauditi

    © AFP 2018/ MARK RALSTON
    Politica
    URL abbreviato
    3200

    In Arabia Saudita dietro le numerose condanne a morte si nasconde il peggior incubo della famiglia reale: la paura che gli sciiti del Paese dichiarino la secessione, prendano il controllo dei giacimenti di petrolio e si uniscano agli sciiti dell'Iran, ritiene l'editorialista del portale “The Intercept” Jon Schwarz.

    Al cuore della crisi diplomatica in Medio Oriente, dopo l'esecuzione del predicatore sciita Nimr al-Nimr in Arabia Saudita, c'è la lotta per il controllo delle risorse petrolifere, scrive il commentatore del portale "The Intercept" Jon Schwarz.

    "Quasi tutti i giacimenti petroliferi nel Golfo Persico si trovano nei territori abitati a maggioranza dagli sciiti. Vale anche per l'Arabia Saudita sunnita, in cui i principali giacimenti petroliferi si trovano nelle province orientali, dove gran parte della popolazione è di credo sciita," — scrive Schwarz, riferendosi ad una mappa della regione redatta dal professor M.R. Izady della Scuola del "Comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti" ("United States Special Operations Command" — USSOCOM).

    Giacimenti petroliferi nei Paesi del Golfo
    Giacimenti petroliferi nei Paesi del Golfo

    Uno dei principali timori della famiglia reale saudita è legato al fatto che una volta che gli sciiti del Paese dichiarino l'indipendenza, prendano il controllo di tutta la produzione petrolifera e si uniscano con l'Iran sciita, ritiene il commentatore. Secondo Schwarz, questa paura si è aggravata dopo l'invasione americana del vicino Iraq nel 2003, a seguito della quale è stato spodestato il regime di Saddam Hussein della minoranza sunnita ed è salito al potere la maggioranza sciita filoiraniana.

    "L'esecuzione di Nimr al-Nimr può essere in parte spiegata dal disperato desiderio dei sauditi di soffocare qualsiasi idea di indipendenza tra gli sciiti del Paese," — ritiene Schwarz.

    Per lo stesso motivo l'Arabia Saudita ha contribuito ad aiutare la monarchia sunnita in Bahrain a reprimere le proteste della maggioranza sciita, ribellatasi sullo sfondo della "primavera araba" nel 2011.

    Anche se l'Islam sunnita dei sauditi, secondo Schwarz, ha dimostrato il suo odio contro gli sciiti molto prima della scoperta del petrolio, oggi queste differenze sarebbero molto meno marcate se non ci fosse di mezzo l'oro nero.

    Correlati:

    Oro nero dietro lo scontro tra Arabia Saudita e Iran, mentre l’America...
    “Il conflitto tra Iran e Arabia Saudita sarà un duro colpo per gli USA”
    Conflitto Iran-Arabia Saudita, Erdogan giustifica le condanne a morte di Riyadh
    Matrimonio d'interesse sempre più pesante, ma USA e Arabia Saudita alleati per necessità
    Ex generale USA: l'Arabia Saudita e l'Iran potrebbero arrivare alla guerra
    “E' ora che gli USA fermino l'Arabia Saudita, rischio guerra nell'Islam”
    Il conflitto tra Iran e Arabia Saudita manda in rialzo il prezzo del petrolio
    Teheran risponde alla rottura delle relazioni diplomatiche dell'Arabia Saudita
    Tags:
    Indipendenza, Islam, Religione, Geopolitica, Economia, Petrolio, Sunniti, Sciiti, Nimr al-Nimr, Paesi del Golfo, Arabia Saudita, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik