13:11 23 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 13°C
    Poster del predicatore sciita Nimr al-Nimr giustiziato in Arabia Saudita

    “Il conflitto tra Iran e Arabia Saudita sarà un duro colpo per gli USA”

    © AP Photo/ Vahid Salemi
    Politica
    URL abbreviato
    1411061714

    Washington ha paura del fallimento dei suoi 2 obiettivi principali di politica estera per il Medio Oriente: la normalizzazione del conflitto in Siria e la realizzazione dell'accordo sul nucleare iraniano, tuttavia ha intenzione di ritirarsi dalla regione, fatto che notevolmente preoccupa l'Arabia Saudita, ritengono diversi esperti.

    Washington ha intenzione di ritirarsi dalla scena politica in Medio Oriente, e la lotta di lunga data per l'egemonia nel mondo islamico tra i sunniti guidati da Riyadh e l'Iran sciita si intensificherà per occupare il vuoto di potere, scrive il giornale "Christian Science Monitor".

    Il giornale ricorda che il motivo del peggioramento dei rapporti tra i due Paesi è stata l'esecuzione della condanna a morte del predicatore sciita Nimr al-Nimr in Arabia Saudita, che ha provocato una dura reazione da parte dell'Iran. Dopo i disordini all'Ambasciata saudita di Teheran e al Consolato di Mashhad, il ministro degli Esteri dell'Arabia Saudita ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l'Iran.

    Secondo l'interlocutore del giornale, il politologo Simon Henderson, i due obiettivi principali della politica estera della Casa Bianca, vale a dire la soluzione politica del conflitto siriano e l'implementazione dell'accordo sul nucleare iraniano, subiranno un duro colpo.

    "L'amministrazione Obama ha sempre puntato alla riduzione del suo coinvolgimento nella politica regionale ed ha rivolto l'attenzione in qualsiasi altra direzione, tuttavia questo approccio ha dato i risultati che vediamo oggi: le crescenti tensioni tra i due rivali geopolitici minacciano seriamente gli interessi degli USA," — ritiene politologo americano.

    I sauditi sono delusi: a Riyadh sembra che Teheran non verrà punita per l'attacco contro l'Ambasciata saudita per la volontà di Washington di attuare l'accordo sul programma nucleare iraniano, aggiunge l'esperto.

    "Conseguentemente l'Arabia Saudita è convinta che l'influenza dell'Iran nella regione stia crescendo e che dovrà rispondere da sola, perché Riyadh sente che non può contare sugli Stati Uniti in questa situazione," — il giornale cita le parole di Henderson.

    L'analista del Centro per il Medio Oriente dell'Heritage Foundation e politologo James Phillips ritiene inoltre che in certa misura la neutralità di Washington inasprisca le tensioni tra l'Arabia Saudita e l'Iran.

    Secondo l'analista, Teheran trae vantaggio dal cambio del focus della politica estera americana, cosa che preoccupa seriamente Riyadh.

    Correlati:

    Ex generale USA: l'Arabia Saudita e l'Iran potrebbero arrivare alla guerra
    Ministri Esteri delle monarchie arabe sunnite del Golfo condurranno incontro su Iran
    Si spacca il mondo islamico: sunniti solidarizzano con Riyadh e rompono con Iran sciita
    Il conflitto tra Iran e Arabia Saudita manda in rialzo il prezzo del petrolio
    Teheran risponde alla rottura delle relazioni diplomatiche dell'Arabia Saudita
    “E' ora che gli USA fermino l'Arabia Saudita, rischio guerra nell'Islam”
    Matrimonio d'interesse sempre più pesante, ma USA e Arabia Saudita alleati per necessità
    Tags:
    Casa Bianca, Nucleare, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Sunniti, Sciiti, Barack Obama, Medio Oriente, Arabia Saudita, Iran, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik