03:38 29 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
321
Seguici su

Secondo il politico tedesco, lo spazio di Schengen è vulnerabile senza la protezione delle frontiere esterne, inoltre nella UE si è rifiutata l'idea di chiusura delle frontiere interne per motivi politici.

Il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maiziere non ha escluso che, in futuro, la Germania possa smetterla di accogliere i profughi, negando loro l'ingresso nel Paese al confine, scrive il giornale "Welt".

"Lo zona di Schengen non può continuare ad esistere senza controlli alle frontiere, se il sistema di difesa delle frontiere esterne non funziona", — ha dichiarato il ministro in un'intervista.

Secondo il politico, chiudere i confini è del tutto possibile da un punto di vista giuridico, ma "per ragioni politiche abbiamo già deciso di non ricorrere a questa misura."

Secondo de Maiziere, la possibilità di chiudere le frontiere è stata discussa nel vertice UE di settembre, quando a seguito del flusso massiccio di profughi provenienti da Ungheria e Austria erano stati introdotti i controlli alle frontiere. Anche allora venne sollevata la questione se "la Germania avrebbe smesso di accogliere i rifugiati con tutte le conseguenze per gli altri Paesi."

Alla fine questa decisione venne accantonata, ma "è un'altra questione per quanto tempo sarà messa da parte se il numero di rifugiati che arrivano nel Paese rimarrà alto."

Correlati:

Immigrazione, “la Merkel ha provocato il caos promettendo l'impossibile”
Merkel mette in guardia dal pericolo di una guerra in Europa
Quest'anno la Merkel si aspetta un milione di profughi in Germania
Immigrazione, “l'ospitalità della Merkel rafforza l'estremismo”
Immigrazione e crisi profughi, solo un tedesco su tre ha fiducia nella Merkel
Crisi profughi, la Merkel sta perdendo la fiducia dei tedeschi
Tags:
profughi, Migranti, politica interna, Politica Internazionale, Schengen, Società, Confine, Crisi dei migranti, Unione Europea, governo, Thomas de Maiziere, UE, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook