05:38 27 Maggio 2018
Roma+ 18°C
Mosca+ 11°C
    Thierry Mariani, deputato del partito “Repubblicani”

    Francia, una risoluzione per cancellare le sanzioni contro Mosca

    © Sputnik . Vitaly Belousov
    Politica
    URL abbreviato
    7522

    Nel documento, il parlamentare repubblicano Thierry Mariani definisce le sanzioni “dannose per gli interessi francesi” e “del tutto inefficaci e per lo più illegali” in base al diritto internazionale.

    Il parlamentare repubblicano francese Thierry Mariani ha stilato e presentato al Parlamento d'oltralpe una risoluzione che propone di abolire le sanzioni contro la Russia. Lo ha riferito lo stesso Mariani intervistato oggi da Sputnik. Mariani, che fra le altre cose è stato ministro dei Trasporti, ha presentato la risoluzione ieri e ha in animo di discuterla in sede parlamentare nel mese di gennaio. Il prossimo passo — ha detto — dovrebbe essere "la raccolta del maggior numero possibile di firme" fra i parlamentari francesi.

    "Il mio obiettivo — ha affermato Mariani nell'intervista — è di raccogliere 150 firme prima di sottoporla all'Assemblea Nazionale per la discussione". Secondo quanto affermato nel testo della risoluzione, le sanzioni imposte a Mosca sono "in contraddizione con gli interessi più essenziali nell'ambito delle relazioni franco-russe". Le sanzioni, inoltre, sono "del tutto inefficaci e per lo più illegali" sulla base del diritto internazionale e dannose per gli interessi della Francia.

    "Mi piacerebbe — scrive Mariani nel documento — vedere la Francia sollevare le sanzioni contro la Russia. La proposta al governo francese è di riconoscere la cancellazione delle sanzioni economiche e delle misure limitative imposte dall'Unione europea ai danni della Federazione Russa e dare inizio a una revisione di tale politica delle limitazioni nei confronti di Mosca".    

    Correlati:

    Italia dice no a rinnovo automatico delle sanzioni UE vs Russia, grattacapi a Bruxelles
    Tags:
    Sanzioni, Thierry Mariani, Francia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik