04:38 23 Ottobre 2018
Premier della Turchia Ahmet Davutoglu

Il “day after” in Turchia dopo sanzioni: “serve mantenere canali comunicazione con Russia”

© REUTERS / Murad Sezer
Politica
URL abbreviato
11033

I tentativi di attribuire alla Turchia la responsabilità della crisi sono illegali secondo il diritto internazionale e nell'ambito dell'amicizia e dei rapporti di buon vicinato tra la Russia e la Turchia, ha dichiarato il primo ministro turco Ahmet Davutoglu.

Durante la crisi nei rapporti con Mosca dopo l'incidente con il bombardiere russo Su-24 abbattuto al confine turco-siriano, Ankara ritiene una priorità mantenere tutti i canali di comunicazione aperti con la Russia, ha affermato oggi il primo ministro turco Ahmet Davutoglu.

"La nostra priorità è tenere aperti tutti i canali di comunicazione con la Russia," — ha detto Davutoglu.

Il premier turco ha aggiunto che per la Russia le relazioni economiche con la Turchia sono altrettanto importanti come per la Turchia.

"I tentativi di attribuire ad Ankara la responsabilità della crisi tra Russia e Turchia sono illegali dal punto di vista del diritto internazionale e nell'ambito dell'amicizia e dei rapporti di buon vicinato tra la Russia e la Turchia. Se cerchiamo un responsabile, allora serve iniziare dal Paese che molte volte prima ha violato il nostro spazio aereo. Le ultime dichiarazioni di Mosca non sono parole che possono essere considerate dal punto di vista delle relazioni di buon vicinato", — ha detto oggi ai giornalisti il premier Davutoglu.

Correlati:

La Russia reagisce: Putin firma decreto su misure economiche speciali contro Turchia
Russia-Turchia, relazioni bilaterali “seriamente danneggiate”
Tags:
Sanzioni, Politica Internazionale, Economia, Commercio, Diplomazia Internazionale, Abbattimento jet russo, jet abbattuto in Siria, Ahmet Davutoglu, Russia, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik